19 giugno 2005

Aridatece Zuccopycat....Christian Rocca e LaRepubblica

Ho trovato questo articoletto stupendo di Rocca che commenta le tremende baggianate che rifilano zucconi e la sua cricca su repubblica...che a quanto pare però agli italiani piacciono tanto.
vabbè...have a look at this




CAMILLO

Aridatece Zuccopycat

IL FOGLIO, 15 giugno 2005 Quasi quasi c’è da rimpiangere Vittorio Zucconi, detto Zuccopycat. Ieri Repubblica ha pubblicato un articolo imbarazzante, quanto a strafalcioni e manipolazioni. L’argomento erano i neocon o forse i teocon o forse qualcos’altro, ma stavolta l’autore non è il simpatico Zuccopycat. E’ Filippo Ceccarelli. Questo corsivo non si permette di commentare i risvolti italiani (che peraltro riguardano anche il Foglio) del quadretto dipinto da Ceccarelli, ma soltanto il grado di non conoscenza del giornalista di Rep. L’articolo inizia così: “L’ora dei teo-con. Teocrati conservatori, a dar retta alle abbreviazioni”. Forse, a dar retta alla traduzione, Ceccarelli avrebbe dovuto scrivere “conservatori teologici”, ma un errore così ci può anche stare. Poi però continua: “Ma anche ‘liberal assaliti dalla realtà’, secondo una definizione di Irving Kristol, uno dei precursori d’oltreoceano”. Ovviamente è una stupidaggine. Kristol si riferiva ai neoconservatori, non ai teocon (ammesso che esistano e che si scrivano senza l’acca). Capisco che per un republicones, anche se neo, è difficile distinguerli ma sono due cose diverse. Peraltro, i conservatori di destra-destra, in America non sono chiamati theocon, ma “socialconservative”. E se sono molto di destra li chiamano “paleocon”. Comunque non c’entrano con i neoconservatori, i quali provengono da sinistra. Anzi spesso li odiano. Continua Cecc.: “E quindi mica tanto liberal, ormai, né liberali, anzi”. Anzi cosa?!? “Comunque un fenomeno, un gruppo di persone e di teorie che indicano la mutazione genetica della destra”. Se proprio si deve usare l’espressione, i neocon indicano una mutazione genetica della sinistra, prima ancora della destra. Il catalogo continua: “Poderose fondazioni alle spalle (Heritage, Carnegie, American Enterprise, Cato, Hoover, Project for the New American Century)”. Cecc. non sa di che cosa parla. Se parla di fondazioni neocon, l’unica tale è il Pnac e, forzando, anche l’American Enterprise. La Heritage invece non è né neocon né theocon. Il Cato è libertario e non condivide quasi nulla né delle teorie neocon né di quelle theocon, sempre ammesso che esistano. Il Cato ha criticato la politica estera di Bush e si batte per la riforma pensionistica che, invece, non scalda i neocon. La Carnegie, ammesso che Cecc. intenda la Carnegie Endowment for International Peace e non la Carnegie Hall di New York dove fanno i balletti, è ridicolo definirla “neocon”, figuriamoci “theocon”. Per dirne soltanto una: la sua rivista è Foreign Policy e gli editoriali del direttore di Foreign Policy, Moisés Naim, in Italia sono pubblicati dall’Espresso, stesso gruppo di Repubblica. Anche Rep. è neocon-theocon? “Una manciata di giornalisti, intellettuali e tecnocrati (Wolfowitz, Abrams, Perle, Kristol, Kagan, Podhoretz, Horowitz, Sullivan) dietro George W.”. Quale sia il tecnocrate non è dato saperlo, comunque Andrew Sullivan alle scorse elezioni ha sostenuto John Kerry e da oltre un anno critica Bush su qualsiasi argomento possibile, specialmente sui “valori” citati dall’articolo di Cecc. Aridatece Zuccopycat. (chr.ro)

4 Comments:

Blogger a man said...

OT: Benvenuto nella città dei liberi! :)

a.man.

11:43 AM

 
Blogger GeorgeWalker said...

grazie Man..siamo tutti una grande famiglia libera sono davvero contento di vedere una mobilitazione seria e compatta tra amanti della libertà.Un grande passo che dovremo fare anche noi sarà quello di creare finalmente un partito unico di tutte le forze liberali.E' un impegno che deve crescere anche e soprattutto da noi!
Se hai un tuo blog linkiamoci a vicenda.

12:37 PM

 
Anonymous semplicemente liberale said...

Walker. Ti ho linkato.

;)

1:06 PM

 
Blogger GeorgeWalker said...

Grazie liberale..a presto!

1:23 PM

 

Posta un commento

<< Home