16 dicembre 2005

Altri Corpi Speciali

Delta Force, gli "invisibili".

Il mito di Holliwood. Ufficialmente la Delta Force non esiste. Al contrario di quantofa con i Seal, il Dipartimento americano della Difesa non rivela alcun dettaglio suquesta sua formazione d'èlite, anzi non ha mai utilizzato questo nome per indicareun'unità di militari statunitensi.
Forse anche per questo la Delta Force è avvolta da un alone mitico ed Hollywood gliha sempre dedicato grande attenzione. L'operazione più famosa della Delta Force (daDelta, il livello massimo di defcon, ossia di stato d'allerta militare) è anche quella piùtragica. Nel 1980, il Presidente Carter decise di porre fine al sequestro di circa 50ostaggi americani all'interno dell'Ambasciata Usa a Teheran e diede il via libera aicommando.
Secondo le ricostruzioni più attendibili, circa novanta uomini della Delta Forcetrasportati da sei C-130 vennero trasferiti in un aeroporto abbandonato a Posht Badam,300 chilometri a sud di Teheran, da dove proseguirono verso la capitale a bordo di ottoelicotteri Rh-53 partiti dalla portaerei Nimitz.
Ma le cose andarono storte con tre degliotto elicotteri che si fermarono per un'avaria, un altro invece si scontrò con uno dei C-130 e nella collisione morirono otto operatori "Delta". La missione fallì e tutti i militarivennero evacuati. La versione ufficiale degli Usa non farà mai cenno ad un mancato blitz ma ad una "missione umanitaria".
La Delta Force era stata creata solo da pochianni e quella probabilmente era la sua prima missione.La sua origine pare debba essere datata al 1977, sulla base di una diretta ispirazionealle unità Sas britanniche. Per la Delta Force, secondo indiscrezioni, vengonoselezionati uomini che arrivano dall'82esimo Airborne, dai Berretti Verdi e daiRangers.
Questo corpo speciale è impiegato in operazioni di recupero e liberazione diostaggi, di anti-terrorismo e nel CQB (Close Quarters Battle), quelle operazioni diguerra non convenzionale che nessuno racconterà mai. Probabilmente la sua natura diunità supersegreta è dovuta anche al fatto che viene chiamata a sperimentare armi edequipaggiamenti segreti. La Delta Force dovrebbe essere entrata in azione a Panama,nella Guerra del Golfo (con il 22esimo Sas per neutralizzare il pericolo dei missiliScud) ed in Serbia per agevolare i raid aerei segnalando elettronicamente i bersagli più importanti.

Berretti Verdi e Rangers.

I Berretti Verdi sono le forze operative speciali dell'esercito americano (US Army), illoro nome deriva dal copricapo che indossano per distinguersi dalle truppe convenzionali.
Il berretto verde venne introdotto non ufficialmente nel 1953 ma solo ilpresidente Kennedy nel 1961 ne autorizzò definitivamente l'utilizzo prima di una suavisita a Fort Bragg.
Sono truppe aviotrasportate (Airborne) composte da soldati che nonsono solo combattenti (pronti ad operare in condizioni estreme) ma anche consiglierimilitari a supporto di truppe locali per organizzarle ed addestrarle (compito cheprobabilmente stanno svolgendo in Afghanistan con l'Alleanza del Nord).
Vengono considerati i massimi esperti al mondo di guerra non convenzionale.
Il loro motto è "de oppresso difendo" e sono entrati nel mito grazie ad una serie di film che Hollywood gli ha dedicato, il più famoso,come ricorderete, forse è quello del '68 con John Wayne nei panni del Colonnello Mike Kirby.
Rangers. L'esercito americano oltre ai Berretti Verdi, conta su un'altra unità d'élite i Ranger, che hanno altre attitudini militari rispetto ai Green Berets.
Svolgono uncompito non meno rischioso, i Rangers "lead the way" ossia aprono la strada al grossodelle truppe, sono organizzate in piccole unità che operano in avanscoperta soprattuttosu terreni difficili.
Rappresenta più che una forza di offesa in senso "puro" una forzamilitare ad impiego tattico.
Sono entrati in azione per la prima volta nella SecondaGuerra Mondiale nel corso della quale hanno avuto un ruolo importantissimo anchenello sbarco in Normandia. Nel D Day, il secondo ed il quinto Ranger scalarono lacollina di Pointe du Hoc ed agirono ad Omaha Beach, aprendo falle nella lineadifensiva tedesca.

Armi ed equipaggiamento.

Questi corpi speciali in generale condividono buona parte del proprio armamento.
È difficile però elencare in via generale gli strumenti di cui si servono. Si tratta, infatti, diuomini preparati ad utilizzare praticamente tutte le armi e gli esplosivi esistenti almondo (compresi quelli che riescono a sottrarre al nemico…), che possono contare sudotazioni vastissime che variano a seconda del tipo di missione.
Inoltre gli vengonospesso affidate armi ed equipaggiamenti sperimentali ad iniziare da quelli hi-tech(materiali come il carbonio ed il kevlar, sistemi di telecomunicazioni digitali edestensione delle facoltà corporee con protesi mobili e impianti permanenti) intorno aiquali l'industria bellica negli ultimi anni sta concentrando la maggior partedei suoisforzi pur in grande segretezza.
L'MP5 nelle sue diverse varianti (per esempio, i Seal utilizzano la versione compattaMP5N, dove N sta per Navy) è un mitra da 800 colpi al minuto con gitata di circa 70metri e calibro da 9mm. Prodotto dalla Heckler & Koch viene utilizzato dai corpi d'élite di tutto il mondo e dalle squadre Swat (squadre tattiche e d'assalto delle forze dipolizia) di tutto il mondo per la sua affidabilità e capacità di resistere agli agentiatmosferici.
HK con Colt fabbrica la pistola Socom (nome tecnico Owhs), sviluppatanegli anni '90 in collaborazione proprio con lo Special Operations Command (Socom),una pistola calibro 45 con puntatore laser ed un silenziatore molto potente.Tra le pistole utilizzate ci sono anche la potente Beretta M9 e la Sig Sauer P226,entrambe da 9mm.
Questi supersoldati sono datati anche dei fucili d'assalto M16A2 da5.56mm (reso famoso nella sua prima versione dalla guerra del Vietnam) ed M4,entrambi prodotti dall'americana Colt con calibro; arma che può montare anche unlancia granate a media gittata (circa 200 metri) l'M203. Tra le altre dotazioni ci sonoanche le granate flash bang oltre ai night vision goggles, gli occhiali (bi o monoculari)per la visione notturna oltre all'equipaggiamento per le comunicazioni tra i membri delgruppo e con il comando, ed ai sistemi di localizzazione satellitare.
L'equipaggiamento personale che questi uomini devono portarsi dietro può raggiungerei 40 kilogrammi di peso, ad ogni modo di solito tutte queste armi vengono utilizzate contemporaneamente differenziando la dotazione dei membri del team in base ai lororuoli.
Per esempio, in caso di irruzioni in luoghi chiusi l'uomo che chiude il gruppod'ingresso può avere un potente fucile a pompa (come l'HK Benelli M3 Super 90) dicopertura, mentre quelli sulle ali hanno potenza di fuoco rapido per aprire la strada aglioperatori che entrano per primi.

La serie sulle forze speciali si concluderà con una scheda dedicata ai SAS britannici. A presto.

4 Comments:

Anonymous m+ said...

con domani sono in vacanza e leggo tutto. ciao

10:49 PM

 
Blogger GeorgeWalker said...

buon per te m+...appena riesco a organizzare il materiale posto cui SAS britannici.Ciao.

4:06 PM

 
Blogger brainwash said...

Molto interessante..
happy xmas!

1:42 PM

 
Blogger GeorgeWalker said...

grazie amico,mi fa piacere.
Merry Christmas to you and your family.

3:26 PM

 

Posta un commento

<< Home