29 giugno 2005

Il Presidente Bush scuote l'America e chiede coraggio a chi crede nella Libertà.











President Addresses Nation, Discusses Iraq, War on Terror Fort Bragg, North Carolina

Renewal in Iraq

8:02 P.M. EDT

THE PRESIDENT: Thank you. Please be seated. Good evening. I'm pleased to visit Fort Bragg, "Home of the Airborne and Special Operations Forces." It's an honor to speak before you tonight.
My greatest responsibility as President is to protect the American people. And that's your calling, as well. I thank you for your service, your courage and your sacrifice. I thank your families, who support you in your vital work. The soldiers and families of Fort Bragg have contributed mightily to our efforts to secure our country and promote peace. America is grateful, and so is your Commander-in-Chief.
The troops here and across the world are fighting a global war on terror. The war reached our shores on September the 11th, 2001. The terrorists who attacked us -- and the terrorists we face -- murder in the name of a totalitarian ideology that hates freedom, rejects tolerance, and despises all dissent. Their aim is to remake the Middle East in their own grim image of tyranny and oppression -- by toppling governments, by driving us out of the region, and by exporting terror.
To achieve these aims, they have continued to kill -- in Madrid, Istanbul, Jakarta, Casablanca, Riyadh, Bali, and elsewhere. The terrorists believe that free societies are essentially corrupt and decadent, and with a few hard blows they can force us to retreat. They are mistaken. After September the 11th, I made a commitment to the American people: This nation will not wait to be attacked again. We will defend our freedom. We will take the fight to the enemy.
Iraq is the latest battlefield in this war. Many terrorists who kill innocent men, women, and children on the streets of Baghdad are followers of the same murderous ideology that took the lives of our citizens in New York, in Washington, and Pennsylvania. There is only one course of action against them: to defeat them abroad before they attack us at home. The commander in charge of coalition operations in Iraq -- who is also senior commander at this base -- General John Vines, put it well the other day. He said: "We either deal with terrorism and this extremism abroad, or we deal with it when it comes to us."
Our mission in Iraq is clear. We're hunting down the terrorists. We're helping Iraqis build a free nation that is an ally in the war on terror. We're advancing freedom in the broader Middle East. We are removing a source of violence and instability, and laying the foundation of peace for our children and our grandchildren.
The work in Iraq is difficult and it is dangerous. Like most Americans, I see the images of violence and bloodshed. Every picture is horrifying, and the suffering is real. Amid all this violence, I know Americans ask the question: Is the sacrifice worth it? It is worth it, and it is vital to the future security of our country. And tonight I will explain the reasons why.
Some of the violence you see in Iraq is being carried out by ruthless killers who are converging on Iraq to fight the advance of peace and freedom. Our military reports that we have killed or captured hundreds of foreign fighters in Iraq who have come from Saudi Arabia and Syria, Iran, Egypt, Sudan, Yemen, Libya and others. They are making common cause with criminal elements, Iraqi insurgents, and remnants of Saddam Hussein's regime who want to restore the old order. They fight because they know that the survival of their hateful ideology is at stake. They know that as freedom takes root in Iraq, it will inspire millions across the Middle East to claim their liberty, as well. And when the Middle East grows in democracy and prosperity and hope, the terrorists will lose their sponsors, lose their recruits, and lose their hopes for turning that region into a base for attacks on America and our allies around the world.
Some wonder whether Iraq is a central front in the war on terror. Among the terrorists, there is no debate. Hear the words of Osama Bin Laden: "This Third World War is raging" in Iraq. "The whole world is watching this war." He says it will end in "victory and glory, or misery and humiliation."
The terrorists know that the outcome will leave them emboldened, or defeated. So they are waging a campaign of murder and destruction. And there is no limit to the innocent lives they are willing to take.
We see the nature of the enemy in terrorists who exploded car bombs along a busy shopping street in Baghdad, including one outside a mosque. We see the nature of the enemy in terrorists who sent a suicide bomber to a teaching hospital in Mosul. We see the nature of the enemy in terrorists who behead civilian hostages and broadcast their atrocities for the world to see.
These are savage acts of violence, but they have not brought the terrorists any closer to achieving their strategic objectives. The terrorists -- both foreign and Iraqi -- failed to stop the transfer of sovereignty. They failed to break our Coalition and force a mass withdrawal by our allies. They failed to incite an Iraqi civil war. They failed to prevent free elections. They failed to stop the formation of a democratic Iraqi government that represents all of Iraq's diverse population. And they failed to stop Iraqis from signing up in large number with the police forces and the army to defend their new democracy.
The lesson of this experience is clear: The terrorists can kill the innocent, but they cannot stop the advance of freedom. The only way our enemies can succeed is if we forget the lessons of September the 11th, if we abandon the Iraqi people to men like Zarqawi, and if we yield the future of the Middle East to men like Bin Laden. For the sake of our nation's security, this will not happen on my watch.
A little over a year ago, I spoke to the nation and described our coalition's goals in Iraq. I said that America's mission in Iraq is to defeat an enemy and give strength to a friend -- a free, representative government that is an ally in the war on terror, and a beacon of hope in a part of the world that is desperate for reform. I outlined the steps we would take to achieve this goal: We would hand authority over to a sovereign Iraqi government. We would help Iraqis hold free elections by January 2005. We would continue helping Iraqis rebuild their nation's infrastructure and economy. We would encourage more international support for Iraq's democratic transition, and we would enable Iraqis to take increasing responsibility for their own security and stability.
In the past year, we have made significant progress. One year ago today, we restored sovereignty to the Iraqi people. In January 2005, more than 8 million Iraqi men and women voted in elections that were free and fair, and took time on -- and took place on time. We continued our efforts to help them rebuild their country. Rebuilding a country after three decades of tyranny is hard, and rebuilding while at war is even harder. Our progress has been uneven, but progress is being made.
We're improving roads and schools and health clinics. We're working to improve basic services like sanitation, electricity, and water. And together with our allies, we'll help the new Iraqi government deliver a better life for its citizens.
In the past year, the international community has stepped forward with vital assistance. Some 30 nations have troops in Iraq, and many others are contributing non-military assistance. The United Nations is in Iraq to help Iraqis write a constitution and conduct their next elections. Thus far, some 40 countries and three international organizations have pledged about $34 billion in assistance for Iraqi reconstruction. More than 80 countries and international organizations recently came together in Brussels to coordinate their efforts to help Iraqis provide for their security and rebuild their country. And next month, donor countries will meet in Jordan to support Iraqi reconstruction.
Whatever our differences in the past, the world understands that success in Iraq is critical to the security of our nations. As German Chancellor Gerhard Schr der said at the White House yesterday, "There can be no question a stable and democratic Iraq is in the vested interest of not just Germany, but also Europe." Finally, we have continued our efforts to equip and train Iraqi security forces. We made gains in both the number and quality of those forces. Today Iraq has more than 160,000 security forces trained and equipped for a variety of missions. Iraqi forces have fought bravely, helping to capture terrorists and insurgents in Najaf and Samarra, Fallujah and Mosul. And in the past month, Iraqi forces have led a major anti-terrorist campaign in Baghdad called Operation Lightning, which has led to the capture of hundreds of suspected insurgents. Like free people everywhere, Iraqis want to be defended by their own countrymen, and we are helping Iraqis assume those duties.
The progress in the past year has been significant, and we have a clear path forward. To complete the mission, we will continue to hunt down the terrorists and insurgents. To complete the mission, we will prevent al Qaeda and other foreign terrorists from turning Iraq into what Afghanistan was under the Taliban, a safe haven from which they could launch attacks on America and our friends. And the best way to complete the mission is to help Iraqis build a free nation that can govern itself, sustain itself, and defend itself.
So our strategy going forward has both a military track and a political track. The principal task of our military is to find and defeat the terrorists, and that is why we are on the offense. And as we pursue the terrorists, our military is helping to train Iraqi security forces so that they can defend their people and fight the enemy on their own. Our strategy can be summed up this way: As the Iraqis stand up, we will stand down.
We've made progress, but we have a lot of -- a lot more work to do. Today Iraqi security forces are at different levels of readiness. Some are capable of taking on the terrorists and insurgents by themselves. A large number can plan and execute anti-terrorist operations with coalition support. The rest are forming and not yet ready to participate fully in security operations. Our task is to make the Iraqi units fully capable and independent. We're building up Iraqi security forces as quickly as possible, so they can assume the lead in defeating the terrorists and insurgents.
Our coalition is devoting considerable resources and manpower to this critical task. Thousands of coalition troops are involved in the training and equipping of Iraqi security forces. NATO is establishing a military academy near Baghdad to train the next generation of Iraqi military leaders, and 17 nations are contributing troops to the NATO training mission. Iraqi army and police are being trained by personnel from Italy, Germany, Ukraine, Turkey, Poland, Romania, Australia, and the United Kingdom. Today, dozens of nations are working toward a common objective: an Iraq that can defend itself, defeat its enemies, and secure its freedom.
To further prepare Iraqi forces to fight the enemy on their own, we are taking three new steps: First, we are partnering coalition units with Iraqi units. These coalition-Iraqi teams are conducting operations together in the field. These combined operations are giving Iraqis a chance to experience how the most professional armed forces in the world operate in combat.
Second, we are embedding coalition "transition teams" inside Iraqi units. These teams are made up of coalition officers and non-commissioned officers who live, work, and fight together with their Iraqi comrades. Under U.S. command, they are providing battlefield advice and assistance to Iraqi forces during combat operations. Between battles, they are assisting the Iraqis with important skills, such as urban combat, and intelligence, surveillance and reconnaissance techniques.
Third, we're working with the Iraqi Ministries of Interior and Defense to improve their capabilities to coordinate anti-terrorist operations. We're helping them develop command and control structures. We're also providing them with civilian and military leadership training, so Iraq's new leaders can effectively manage their forces in the fight against terror.
The new Iraqi security forces are proving their courage every day. More than 2,000 members of Iraqi security forces have given their lives in the line of duty. Thousands more have stepped forward, and are now training to serve their nation. With each engagement, Iraqi soldiers grow more battle-hardened, and their officers grow more experienced. We've learned that Iraqis are courageous and that they need additional skills. And that is why a major part of our mission is to train them so they can do the fighting, and then our troops can come home.
I recognize that Americans want our troops to come home as quickly as possible. So do I. Some contend that we should set a deadline for withdrawing U.S. forces. Let me explain why that would be a serious mistake. Setting an artificial timetable would send the wrong message to the Iraqis, who need to know that America will not leave before the job is done. It would send the wrong message to our troops, who need to know that we are serious about completing the mission they are risking their lives to achieve. And it would send the wrong message to the enemy, who would know that all they have to do is to wait us out. We will stay in Iraq as long as we are needed, and not a day longer.
Some Americans ask me, if completing the mission is so important, why don't you send more troops? If our commanders on the ground say we need more troops, I will send them. But our commanders tell me they have the number of troops they need to do their job. Sending more Americans would undermine our strategy of encouraging Iraqis to take the lead in this fight. And sending more Americans would suggest that we intend to stay forever, when we are, in fact, working for the day when Iraq can defend itself and we can leave. As we determine the right force level, our troops can know that I will continue to be guided by the advice that matters: the sober judgment of our military leaders.
The other critical element of our strategy is to help ensure that the hopes Iraqis expressed at the polls in January are translated into a secure democracy. The Iraqi people are emerging from decades of tyranny and oppression. Under the regime of Saddam Hussein, the Shia and Kurds were brutally oppressed, and the vast majority of Sunni Arabs were also denied their basic rights, while senior regime officials enjoyed the privileges of unchecked power. The challenge facing Iraqis today is to put this past behind them, and come together to build a new Iraq that includes all of its people.
They're doing that by building the institutions of a free society, a society based on freedom of speech, freedom of assembly, freedom of religion, and equal justice under law. The Iraqis have held free elections and established a Transitional National Assembly. The next step is to write a good constitution that enshrines these freedoms in permanent law. The Assembly plans to expand its constitutional drafting committee to include more Sunni Arabs. Many Sunnis who opposed the January elections are now taking part in the democratic process, and that is essential to Iraq's future.
After a constitution is written, the Iraqi people will have a chance to vote on it. If approved, Iraqis will go to the polls again, to elect a new government under their new, permanent constitution. By taking these critical steps and meeting their deadlines, Iraqis will bind their multiethnic society together in a democracy that respects the will of the majority and protects minority rights.
As Iraqis grow confident that the democratic progress they are making is real and permanent, more will join the political process. And as Iraqis see that their military can protect them, more will step forward with vital intelligence to help defeat the enemies of a free Iraq. The combination of political and military reform will lay a solid foundation for a free and stable Iraq.
As Iraqis make progress toward a free society, the effects are being felt beyond Iraq's borders. Before our coalition liberated Iraq, Libya was secretly pursuing nuclear weapons. Today the leader of Libya has given up his chemical and nuclear weapons programs. Across the broader Middle East, people are claiming their freedom. In the last few months, we've witnessed elections in the Palestinian Territories and Lebanon. These elections are inspiring democratic reformers in places like Egypt and Saudi Arabia. Our strategy to defend ourselves and spread freedom is working. The rise of freedom in this vital region will eliminate the conditions that feed radicalism and ideologies of murder, and make our nation safer.
We have more work to do, and there will be tough moments that test America's resolve. We're fighting against men with blind hatred -- and armed with lethal weapons -- who are capable of any atrocity. They wear no uniform; they respect no laws of warfare or morality. They take innocent lives to create chaos for the cameras. They are trying to shake our will in Iraq, just as they tried to shake our will on September the 11th, 2001. They will fail. The terrorists do not understand America. The American people do not falter under threat, and we will not allow our future to be determined by car bombers and assassins.
America and our friends are in a conflict that demands much of us. It demands the courage of our fighting men and women, it demands the steadfastness of our allies, and it demands the perseverance of our citizens. We accept these burdens, because we know what is at stake. We fight today because Iraq now carries the hope of freedom in a vital region of the world, and the rise of democracy will be the ultimate triumph over radicalism and terror. And we fight today because terrorists want to attack our country and kill our citizens, and Iraq is where they are making their stand. So we'll fight them there, we'll fight them across the world, and we will stay in the fight until the fight is won. (Applause.)
America has done difficult work before. From our desperate fight for independence to the darkest days of a Civil War, to the hard-fought battles against tyranny in the 20th century, there were many chances to lose our heart, our nerve, or our way. But Americans have always held firm, because we have always believed in certain truths. We know that if evil is not confronted, it gains in strength and audacity, and returns to strike us again. We know that when the work is hard, the proper response is not retreat, it is courage. And we know that this great ideal of human freedom entrusted to us in a special way, and that the ideal of liberty is worth defending.
In this time of testing, our troops can know: The American people are behind you. Next week, our nation has an opportunity to make sure that support is felt by every soldier, sailor, airman, Coast Guardsman, and Marine at every outpost across the world. This Fourth of July, I ask you to find a way to thank the men and women defending our freedom -- by flying the flag, sending a letter to our troops in the field, or helping the military family down the street. The Department of Defense has set up a website -- AmericaSupportsYou.mil. You can go there to learn about private efforts in your own community. At this time when we celebrate our freedom, let us stand with the men and women who defend us all.
To the soldiers in this hall, and our servicemen and women across the globe: I thank you for your courage under fire and your service to our nation. I thank our military families -- the burden of war falls especially hard on you. In this war, we have lost good men and women who left our shores to defend freedom and did not live to make the journey home. I've met with families grieving the loss of loved ones who were taken from us too soon. I've been inspired by their strength in the face of such great loss. We pray for the families. And the best way to honor the lives that have been given in this struggle is to complete the mission.
I thank those of you who have re-enlisted in an hour when your country needs you. And to those watching tonight who are considering a military career, there is no higher calling than service in our Armed Forces. We live in freedom because every generation has produced patriots willing to serve a cause greater than themselves. Those who serve today are taking their rightful place among the greatest generations that have worn our nation's uniform. When the history of this period is written, the liberation of Afghanistan and the liberation of Iraq will be remembered as great turning points in the story of freedom.
After September the 11th, 2001, I told the American people that the road ahead would be difficult, and that we would prevail. Well, it has been difficult -- and we are prevailing. Our enemies are brutal, but they are no match for the United States of America, and they are no match for the men and women of the United States military.
May God bless you all. (Applause.)

27 giugno 2005

L' Iran continua col nucleare, e in Italia nemmeno una centrale.

Essendo immerso in questi giorni nell'argomento Iran,mi è capitato di leggere e sentire molto e su un po di tutto,ma sentendo parlare di nucleare,sebbene per tutt'altro motivo,non ho potuto fare a meno di riflettere solo un attimo sul discorso dell'energia nucleare trasposto nello scenario italiano.
Mi è balzato in mente soprattutto in relazione al prezzo del petrolio di questi ultimissimi anni e in prospettiva futura,e cosi mi chiedo se oggi,2005, per l'Italia non sia arrivata l'ora del riallineamento rispetto all'energia atomica.
Ricordiamo molto bene il rilsultato dell'onda emotiva del disastro di Chernobyl sul referendum che cancellò quella forma di energia nel nostro paese,e siamo convinti però,oggi più che mai,che il nucleare non è affatto pericoloso come gli ambientalisti ci vorrebbero far credere,e che anzi è uno dei mezzi più puliti e più vantaggiosi al mondo ,ove esso è usato con i metodi adatti che la moderna tecnologia offre.
Pensiamo anche solo ai nostri vicini transalpini. Ebbene,in Francia vi sono 58 centrali nucleari(dato del 1998,non ne sono sicuro ma forse adesso sono addirittura 62)e sono tante se paragonate alle 110 degli Stati Uniti che detengono il record(dato del 2000),2 o 3 delle quali vicinissime ai confini italiani,e altre 5 nella vicinissima Svizzera,per le quali quindi il referendum non servirebbe certo a molto a evitare un disastro ecologico anche in italia,e queste centrali producono il 75-80% di tutta l'energia elettrica consumata in Francia.
Sono dati fantastici per un'economia assetata di energia,e solleva il cuore a un paese sapere di essere praticamente autosufficenti senza soluzione di continuità sotto il profilo energetico.E preoccupa davvero molto,per contro,riscontrare come invece noi dobbiamo costantemente ricorrere all'importazione di energia o alla produzione con metodi desueti e insufficenti o tramite la combustione di combustibili fossili che non sono nè rinnovabili nè tantomeno puliti...pensate in Cina cosa stanno facendo col carbone all'atmosfera e ai cinesi stessi(ma non è che gliene freghi molto al regime di entrambe le cose),sono preoccupanti le immagini della nube viste dai satelliti.
Il dibattito sembra finalmente essere avviato,ed è già un bel risultato dopo anni e anni di menefreghismo totale e omertà,e non sarò certo io a dire che da oggi bisogna costruire decine di centrali sul territorio,perchè so benissimo dei costi e tempi,ma non chiudo nemmeno gli occhi in malafede sapendo in che stato saremo tra qualche decennio.
Quindi sono d'accordissimo sui prossimi acquisti da parte delle aziende energetiche italiane di centrali nucleari all'estero destinate al mercato italiano,sembra che nel 2007 l'enel avrà acquistato delle centrali in cecoslovacchia.I maligni abientalisti etichetterano l'operazione come "delocalizzazione dei rischi",già me li immagino a starnazzare di fine del mondo.
Ma accanto a questa manovra dall'impatto a brevissimo termine mirata ad abbattere i prezzi delle bollette ai contribuenti italiani,fin troppo pazienti visto che in tutta europa dove ci sono le centrali nucleari pagano la metà delle nostre bollette,sono convinto si debba riavviare davvero seriamente il discorso nucleare sul nostro territorio nazionale con delle scadenze che ci portino gradatamente,chessò nel giro di 20-30 anni ad avere anche noi il 75-80% dell'energia elettrica prodotta in modo autosufficente e con i metodi all'avanguardia che hanno permesso a paesi come Francia e Gran Bretagna di prodursi tutta la dannata corrente che vogliono tramite decine di centrali senza che nemmeno un incidente si sia verificato in più di 40 anni oramai dalle prime costruite.
Perciò ripeto, basta dare ascolto agli ambientalisti ! Hanno la visione del mondo più distorta che ci sia,per loro gli esseri umani sono di troppo e dovremmo sparire dalla faccia della terra,certo loro esclusi ovviamente,non dovremmo viaggiare e spostarci perchè si inquina,a sfruttar la terra guai è bestemmia,a riprodurci non sia mai perchè diam fastidio alla terra e agli animali ed anzi dovremmo incominciare a eliminare metà della popolazione mondiale per far respirare il pianeta,badate bene,il pianeta mica noi altri no!
Ascoltiamo invece chi come Tullio Regge sprona a lasciare ai pazzi queste stupide ideologie anti umane e invece a farci carico delle difficoltà e delle sfide del futuro e affrontarle iniziando nuovi programmi di sviluppi energetici con in primis il nucleare che è oggi la fonte di energia più proficua,pulita e ragionevolmente rinnovabile che ci sia.Dico rinnovabile perchè il plutonio e l'uranio possono venire riarricchiti in laboratorio per diverse volte prima di diventare necessariamente scorie e comunque le stime sono infinitamente più confortanti che per il petrolio ad esempio.E sulla questione sicurezza nessuno può negare che la moderna tecnologia abbia permesso un grado di tranquillità pari a quelle che dà una moderna diga nel resistere alla portata d'acqua che gli si chiede di resistere.Resta poi il metodo più pulito che esista nonostante si usi del combustibile,e comunque le scorie non sono di certo quantità enormi come vorrebbero farci credere gli ambientalisti.
Per ciò basta con gli schieramenti stupidi e affrontiamo il problema nel merito e spingiamo sull'acceleratore adesso che abbiamo ancora gas,per non ritrovarci domani in riserva senza distributori all'orizzonte.
Spero di non avervi annoiato con argomenti un po più di basso profilo.
Si al nucleare!Si al futuro!

25 giugno 2005

Yes, Mr.Blair

My fellow citizens....Avevo una voglia matta di condividere con voi questo editoriale scintillante del Foglio di ieri.Appena l'ho letto ho capito quanto il nostro pensiero sia condiviso anche tra i liberali della carta stampata,pochissimi come sappiamo,e questo Dio solo sa quanto manca all'italia!Davvero ottima la rappresentazione dei fronti anglo francesi in stile cavalleresco.Il fronte europeo liberalmodernista guidato da Blair sappiamo che non troverà subito tutte le porte aperte,ma quello che sappiamo e che il vecchio chirac sta colando a picco anche a casa sua e a fianco di Blair si sono sollevate le truppe olandesi,quelle dei paesi dell'est,e a settembre anche quelle tedesche probabilmente,quanto a noi, il nostro premier a sciolto ogni dubbio ieri prendendo posizione nettamente a fianco di Tony.Insomma,se fino a un mese fa eravamo rassegnati a una deriva europea di stampo francotedesco, ora piu che mai sentiamo aria fresca e molti spiragli aprirsi dinnanzi a noi....non cantiamo vittoria,ma sfruttiamo questo vento liberale del cambiamento per spingere avanti questa europa rimasta fino ad oggi troppo indietro.
Yours sincerly,
GeorgeW

20 km e 190 anni da Waterloo Wellington Blair attacca e Bonaparte Chirac si sente già un po’ in esilio I britannici rompono le linee sulla Pac, Parigi perde due colonnelli sul campo e c’è una quinta colonna nella chiracchia -----------------------------------------------------------------

Bruxelles. Tony Blair è il nuovo duca di Wellington nella battaglia per l’Europa? Lasciando il Parlamento europeo, il primo ministro britannico non risponde alla domanda del Foglio, ma ci concede un sorriso malizioso. Si è appena conclusa la sua prima giornata come futuro presidente dell’Unione europea, di cui è già il leader morale, impegnato nello scontro per trasformare la crisi “in un’opportunità” e “rinnovare” l’Europa. A chi gli chiede se voglia prendere il potere a Bruxelles, Blair risponde che la sua “ambizione è molto più modesta”. Non esita a sparare cannonate di realismo contro le armate franco-tedesche, comandate dal napoleonico Jacques Chirac, che negli ultimi giorni lo avevano accusato di voler imporre la visione di un grande mercato a danno del progetto politico europeo. “Non soltanto è falso – dice Blair – ma è un modo per intimidire quelli che vogliono cambiare l’Europa, rappresentando il desiderio di cambiamento come il tradimento dell’ideale europeo”. A Chirac, il cui obiettivo inconfessabile è “di spegnere il dibattito sul futuro dell’Europa”, il premier britannico risponde che “gli ideali sopravvivono attraverso il cambiamento, muoiono con l’inerzia di fronte alle sfide”. La sfida di Blair è la “modernizzazione” dell’Ue, con un bilancio adeguato al mondo di oggi e con stimoli alla competitività. L’inerzia di Chirac è il non voler cambiare la Politica agricola comune (Pac) né il vecchio modello sociale europeo, oltre alla tentazione di bloccare l’allargamento. Il terreno dello scontro sono le prospettive finanziarie 2007-2013, la liberalizzazione dei servizi e l’orario di lavoro, l’apertura alla Turchia. Chirac dopo il referendum, come Napoleone dopo l’esilio all’Elba, ha perso il suo impero: l’asse franco-tedesco si sta dissolvendo, l’Italia è passata nel campo inglese, soltanto il Lussemburgo di Jean Claude Juncker prova a difendere gli interessi francesi.

Mandelson ghostwriter, Darroch regista.
Le truppe napoleoniche sono una testuggine chiracchiana cui è stato ordinato di esporsi al fuoco nemico “vegliando scrupolosamente sulla dimensione sociale” per sabotare le iniziative di Londra. Lo Stato maggiore è composto dal primo ministro Dominique de Villepin, napoleonico per ispirazione anche letteraria, con tanto di libro a dimostrarlo, che cerca di rassicurare se stesso sul “ruolo della Francia in Europa”; da Philippe Douste-Blazy, ministro degli Esteri troppo debole per fare altro che riverberare la parola di Chirac; e da Catherine Colonna, responsabile degli Affari europei che del presidente è stata la portavoce. Nel frattempo, Napoleone ha perso i suoi alleati a Bruxelles: Michel Barnier, già commissario europeo licenziato dopo il “no” al Trattato, e Jacques Barrot, commissario in carica politicamente scomparso dopo la batosta del 29 maggio. Non manca un generale Bourmont, quel Nicolas Sarkozy che ha già disertato, passando al nemico liberale britannico. Blair può contare su una coalizione di Stati che vuole disfarsi dei Napoleone: i nuovi dell’est, l’Olanda e i paesi scandinavi. Le truppe prussiane arriveranno in autunno comandate dalla probabile cancelliera tedesca Angela Merkel, alias feldmaresciallo Blucher. A Bruxelles Blair ha dalla sua la Commissione Barroso e, soprattutto, Peter Mandelson, ghostwriter del discorso di ieri. Lo Stato maggiore sta a Londra, dove si controbilanciano eurorealisti, come il ministro degli Esteri, Jack Straw, ed euroscettici, come il cancelliere dello Scacchiere, Gordon Brown. Ma l’ideatore della Waterloo 2005 è il consigliere Kim Darroch, che ha convinto Blair a sospendere la ratifica e a utilizzare il veto sul “rebate”. Il nuovo Wellington “ha tutte le carte in mano”, spiega al Foglio il conservatore Edward McMillan Scott: “Con il veto, la presidenza e un periodo di caos, può sconfiggere la Francia”. L’offensiva ha già colpito la Pac, che quasi nessuno al Pe ha osato difendere e che perfino il Monde oggi vorrebbe “parzialmente rinazionalizzata”. Londra conta di andare all’attacco sulla direttiva Bolkestein e, prima della fine della presidenza, isolare Parigi sul bilancio per conquistare una “clausola di revisione” che nel 2007 permetta di ridimensionare la Pac. Allora Chirac, come Napoleone a bordo della Bellerofonte, dovrà firmare la resa. Ma a giudicare dagli applausi del Pe a Blair, l’esilio di Chirac dall’Europa è già cominciato.
(24/06/2005)

24 giugno 2005

La nostra vita è la nostra libertà, l'America è Libertà, la nostra vita è l'America.

"Il problema del mondo odierno è che dobbiamo fronteggiare un antiamericanismo che è diventato completamente demoniaco,che inonda l'intero pianeta e che influenza chiunque.L'antiamericanismo è l'ideologia globale più pericolosa che c'è.Oggi tutti i totalitarismi,il fondamentalismo e l'antisemitismo trovano riparo dietro la bandiera della lotta agli Stati Uniti d'America."



Mi sono dimenticato di dirvi il libro più bello che ho letto da qualche tempo.E' di Christian Rocca, "Esportare l'America - La rivoluzione democratica dei neoconservatori",ve lo consiglio davvero caldamente,purtroppo è reperibile soltanto attraverso il Foglio e non in libreria.Per averlo però non bisogna faticare molto,basta chiamare la redazione del Foglio (come ho fatto io) allo 027712951 è vi dirà se è disponibile (lo sarà) e il prezzo è 5,90, dovrete spedirli vi spiegherà bene, e nel giro di 5 giorni, quindi meglio di quando ordinate un libro in libreria,sarà a casa vostra a disposizione in una busta imbottita.I say again,lo consiglio caldamente!
Have a nice day,enjoy your freedom.

21 giugno 2005

Parliamo di europa e delle sue radici,cioè quelle che non ha.

Volevo tornare su un argomento che sembrava oramai caduto in desuetudine,ma tornato a strisciare tra il dibattito post "non" francese e "nee" olandese circa la costituzione europea e dopo tutto il gran casotto bruxelliano a cui stiamo assistendo tutti fino al,di fatto, stallo successivo al terribile Consiglio Europeo del 16-17 giugno.Ebbene,si vengo al punto tranquilli,l'argomento sono le tanto famose radici giudaico-cristiane nel preambolo dei principi dell'Unione(dio quanto mi irrita dire unione,a voi no??).Premesso che negare le radici cristiane in europa è un falso storico piuttosto grossolano e stupido,vabbè esser miopi ma tutte le chiese e cattedrali sul continente vorran pure dir qualcosa,o no??Ma quel che è ancora piu meschino è il fatto di far passare l'inserimento delle suddette radici come un atto illiberale.Lo considero meschino proprio perchè essendo un liberale fin al midollo lo trovo davvero in malafede ,e guardacaso gli alfieri contro quelle radici sono stati proprio i francesi con il loro laicissimo chirac(quello che disse a bruxelles tra capi di stato,forse anche il tricheco ciampi,che "le radici dell'europa sono tanto cristiane quanto mussulmane,mon amis!").A parte i brividi che mi da una frase del genere,è la riconferma di come la rivoluzione francese sia nata principalmente sull'illuminismo voltaireiano che di liberale ha davvero poco e invece è sicuramente giacobino e ateo-laicista o comunque spiccatamente antireligioso(non vi viene in mente marx e il suo oppio dei popoli?mah)ed è qui che riscontro la mia totale differenza di veduta col modello laicista francese che di fatto è agli antipodi del liberalismo a me caro,quello americano.Se solo pensate alla rivoluzione americana e alla successiva indipendenza siamo anni luce dalla concezione liberale francese.Il liberalismo americano è completo e perfettamente compiuto anche senza tagliare le teste e bruciare le chiese proprio perchè tiene conto di tutto il panorama delle libertà economiche e cultural-religiose,cosa che invece i francesi giacobini hanno sempre rifiutato,vedi la legge sulle 35 ore di lavoro senza contare lo stato assistenzialista,cose che per un liberale e liberista fanno accapponare la pelle e piu che altro fanno venire in mente un socialismo.Io perciò rigetto questo modello antireligioso,illiberale e,lasciatemelo dire,anti occidentale della nuova europa.Lo contesto fortemente perchè se penso a come l'America concepisce il liberalismo....nel giuramento si legge:"United States of America,One Nation,Under God(sottolineo under god,che liberalisticamente è dio,ma un dio generale ognuno ci metta la propria fede),indivisible,with Liberty and Justice for all.The Land of the Free,the Home of the Brave."Cosi se penso a quel noioso e scialbo trattato che dovrebbe istituire gli stati uniti d'europa(puah,ma uniti dove?in che cosa?in nome di chi?in nome dell'economia,che va da dio infatti..mamma mia!)mi viene male a pensare che i soli principi istitutivi siano i diritti umani e pochi altri principi asettici e freddi.Non a caso gli inglesi se ne sono stati a distanza di sicurezza e a quanto pare blair,a ragione,rimandera indefinitamente il suo referendum,e forse sarà un segno del destino il fatto che questa europa con questi principi e queste prospettive si stia arenando.In attesa di un giorno migliore e di un alba per un europa unita,ma su basi liberali occidentali e non sul modello illiberale,antioccidentale con spiccati accenti socialisti francese.Comunque per chi come me è liberale e liberista di casa e patria rimangono sempre e solo gli Stati Uniti d'America e loro soltanto,vabbè nel mio caso sarà anche per via che parte della mia famiglia è proprio americana,ma credo davvero che il modello occidentale sia compiuto,per ora,solo in America.E se l'europa non vuole diventare Eurabia,se già non lo è,deve seguire il modello americano perchè l'occidente sta arretranto e io attualmente l'occidente lo vedo chiaro solo oltreoceano.Finisco il lungo intervento,che vi chiedo di commentare e criticare,con uno stralcio di articolo preso dopo il referendum in francia:

Il premio all’ironia va a Gerard Baker, columnistdel Times di Londra e di WeeklyStandard, il magazine conservatore che conl’Europa non è mai stato troppo docile. Dopoaver descritto quel “prolisso, sconnessodocumento lungo almeno dieci volte la Costituzioneamericana, emendamenti compresi”che si chiama Trattato costituzionale,Baker conclude: se quest’Europa non vi piace“per la prima volta nella vostra vita, visentirete solidali con la maggior parte deifrancesi, almeno per un giorno”.

19 giugno 2005

Come capire il pregiudizio antiamericano dei giornalisti europei

Eccomi....trovato anche questo....per la serie "come ti incavolo il comunista" ecco a voi uno splendido excursus nella mente malata dei mentecatti giornalisti antiamericani.So di aver aggettivato molto la suddetta categoria e so anche che non si puo far di tutta l'erba un fascio(opss...parola proibita qua in italia credo vero?),ma so anche di aver dimenticato di dire come siano pure davvero tanto illiberali.Cavolo!Basta guardare come tutti i giornali e telegiornali europei hanno parlato delle elezioni(cosa?l'ho davvero detta io quella parola??no impossibile)in Iran per capire a cosa siano arrivati pur di gettar fango in faccia a Bush!Nemmeno uno che si sia degnato di ricordare che c'è una certa cosa chiamata regime che non va proprio,per cosi dire, a braccetto con un'altra cosa chiamata elezioni democratiche!Ma niente...capendo che tutto ciò che mette in cattiva luce il regime in islamico in Iran mette di conseguenza in buona luce Bush i simpatici mentecatti europei han tirato le somme e anche una bella sola a tutti gli europei.
Hope you enjoyed this reading.





A pranzo con i corrispondenti europei

IL FOGLIO, 17 giugno 2005

New York. Ci sono due modi per capire il pregiudizio antiamericano, sì antiamericano, di gran parte dei giornalisti europei. Il primo è quello di leggere i loro articoli, analizzare i fatti riportati e, infine, indignarsi per la quantità di manipolazioni contenute. Ma costa fatica e c’è da studiare. Poi ce n’è uno molto più semplice: conoscerli e provare a intuire come sia possibile che le stesse persone così preoccupate per il peso della religione a Washington o a Roma poi liquidino come una normale diversità culturale l’ideologia di chi taglia le teste all’infedele. Il Dipartimento di Stato, attraverso il centro per la stampa estera di New York, mercoledì li ha invitati a pranzo al Council on Foreign Relations, il centro studi dell’establishment finanziario e liberalconservatore americano, i cui membri vanno da Henry Kissinger a George Soros e che non è mai stato tenero con George W. Bush. L’intenzione era quella di far conoscere ai giornalisti tre dei più importanti analisti del Council: lo storico Walter Russel Mead, il neocon Max Boot e la direttrice del dipartimento sul medio oriente Rachel Bronson. I tre si sono presentati con brevi interventi generali in cui hanno raccontato, da diverse angolature, lo stato della politica estera americana, cioè che cosa sta succedendo in Iraq, le ripercussioni in medio oriente, il difficile rapporto con i sauditi e gli altri regimi della regione e, infine, la relazione con l’Europa e le nuove sfide asiatiche. A grandi linee i tre erano d’accordo nel dire che il futuro dell’Iraq e del medio oriente è ancora tutto da scrivere, che è ancora troppo presto per cantare vittoria o fasciarsi la testa e che l’intervento americano potrà concludersi con uno straordinario successo oppure essere ricordato come un disastro epico. I tre analisti hanno sottolineato tutti gli errori commessi in Iraq (alcuni dei quali disastrosi, ha aggiunto la Bronson) ma hanno anche spiegato che i progressi compiuti, cioè le tre elezioni e il nuovo vento democratico nella regione e altrove, sono da considerarsi risultati straordinari, quasi inimmaginabili se col pensiero si ritorna all’11 settembre. La direzione è giusta, hanno detto i tre, anche se Rachel Bronson ha criticato Bush per aver sottovalutato la gamba economica e diplomatica della sua grande strategia. La Bronson, inoltre, è convinta che gli Usa debbano continuare a sostenere gli alleati nella regione, cioè i sauditi e gli egiziani, perché le alternative sarebbero peggiori del male attuale. Boot ha detto che qualsiasi cosa farà, la Casa Bianca verrà comunque criticata, perché se consoliderà l’alleanza con quei regimi, sarà accusata di essere filodemocratica solo quando le conviene; se invece proverà a farli cadere, di essere guidata da una cricca di fanatici. Mead ha messo le cose in una prospettiva storica, ha ricordato che la perfezione non è di questo mondo e che tutti gli interventi provocano conseguenze negative. La Guerra fredda, per esempio, è il disastro creato dalla vittoria nella Seconda guerra mondiale, eppure nessuno mette in discussione l’importanza, la legittimità e il ruolo dell’intervento anglo-americano nella liberazione dell’Europa.Nessuno, tranne i corrispondenti europei. Ha cominciato una giornalista spagnola: è ridicolo, ha detto, voi spiegate che tutto va bene, quando è evidente che è un disastro e che il numero dei terroristi è aumentato. Poi ha preso la parola un free-lance israeliano, il quale ha sfottuto Russell Mead leggendogli una frase che compare nella copertina del suo libro: lei che è “uno dei principali filosofi di politica estera americana” come giudica il fatto di essere governato da un fondamentalista religioso?. Risate in sala. A nulla sono valse le spiegazioni di Mead sul fatto che Bush è metodista, quindi moderato, né sulla maggiore influenza che la religione ha avuto su altri presidenti, per esempio sul liberal Woodrow Wilson. Non è valso a nulla nemmeno l’umiliante invito ad andare a vedere con i propri occhi la gente che nei salotti di Manhattan viene definita “fondamentalista”: “Andate in Alabama, assistete a una messa, parlate con questa gente”. Non sono mostri, era il senso del consiglio giornalistico di Mead, sono persone normali. Niente da fare. Una tedesca ha messo in discussione che sia stata l’America a liberare l’Europa dell’Est (“si è liberata da sola”) e, a guardar bene, in Spagna ha aiutato Franco… Mead ha provato a rispondere con un esempio: “Nel baseball…”. Sollevazione generale: il baseball non lo capiamo. Fate altri esempi. Siate più umili. Boot, allora, s’è incavolato e per due volte, superando il brusio della sala, ha ripetuto una cosa terribile per le orecchie dei corrispondenti: “I’ll tell you this: nell’ultimo secolo, nonostante tutti gli errori, l’America è stata la più grande forza del bene del pianeta”. Una svizzera l’ha interrotto: “Ma allora se siete così buoni come mai nel mondo c’è tanto antiamericanismo in giro?”. Chissà, magari leggono i giornali.
Christian Rocca

Aridatece Zuccopycat....Christian Rocca e LaRepubblica

Ho trovato questo articoletto stupendo di Rocca che commenta le tremende baggianate che rifilano zucconi e la sua cricca su repubblica...che a quanto pare però agli italiani piacciono tanto.
vabbè...have a look at this




CAMILLO

Aridatece Zuccopycat

IL FOGLIO, 15 giugno 2005 Quasi quasi c’è da rimpiangere Vittorio Zucconi, detto Zuccopycat. Ieri Repubblica ha pubblicato un articolo imbarazzante, quanto a strafalcioni e manipolazioni. L’argomento erano i neocon o forse i teocon o forse qualcos’altro, ma stavolta l’autore non è il simpatico Zuccopycat. E’ Filippo Ceccarelli. Questo corsivo non si permette di commentare i risvolti italiani (che peraltro riguardano anche il Foglio) del quadretto dipinto da Ceccarelli, ma soltanto il grado di non conoscenza del giornalista di Rep. L’articolo inizia così: “L’ora dei teo-con. Teocrati conservatori, a dar retta alle abbreviazioni”. Forse, a dar retta alla traduzione, Ceccarelli avrebbe dovuto scrivere “conservatori teologici”, ma un errore così ci può anche stare. Poi però continua: “Ma anche ‘liberal assaliti dalla realtà’, secondo una definizione di Irving Kristol, uno dei precursori d’oltreoceano”. Ovviamente è una stupidaggine. Kristol si riferiva ai neoconservatori, non ai teocon (ammesso che esistano e che si scrivano senza l’acca). Capisco che per un republicones, anche se neo, è difficile distinguerli ma sono due cose diverse. Peraltro, i conservatori di destra-destra, in America non sono chiamati theocon, ma “socialconservative”. E se sono molto di destra li chiamano “paleocon”. Comunque non c’entrano con i neoconservatori, i quali provengono da sinistra. Anzi spesso li odiano. Continua Cecc.: “E quindi mica tanto liberal, ormai, né liberali, anzi”. Anzi cosa?!? “Comunque un fenomeno, un gruppo di persone e di teorie che indicano la mutazione genetica della destra”. Se proprio si deve usare l’espressione, i neocon indicano una mutazione genetica della sinistra, prima ancora della destra. Il catalogo continua: “Poderose fondazioni alle spalle (Heritage, Carnegie, American Enterprise, Cato, Hoover, Project for the New American Century)”. Cecc. non sa di che cosa parla. Se parla di fondazioni neocon, l’unica tale è il Pnac e, forzando, anche l’American Enterprise. La Heritage invece non è né neocon né theocon. Il Cato è libertario e non condivide quasi nulla né delle teorie neocon né di quelle theocon, sempre ammesso che esistano. Il Cato ha criticato la politica estera di Bush e si batte per la riforma pensionistica che, invece, non scalda i neocon. La Carnegie, ammesso che Cecc. intenda la Carnegie Endowment for International Peace e non la Carnegie Hall di New York dove fanno i balletti, è ridicolo definirla “neocon”, figuriamoci “theocon”. Per dirne soltanto una: la sua rivista è Foreign Policy e gli editoriali del direttore di Foreign Policy, Moisés Naim, in Italia sono pubblicati dall’Espresso, stesso gruppo di Repubblica. Anche Rep. è neocon-theocon? “Una manciata di giornalisti, intellettuali e tecnocrati (Wolfowitz, Abrams, Perle, Kristol, Kagan, Podhoretz, Horowitz, Sullivan) dietro George W.”. Quale sia il tecnocrate non è dato saperlo, comunque Andrew Sullivan alle scorse elezioni ha sostenuto John Kerry e da oltre un anno critica Bush su qualsiasi argomento possibile, specialmente sui “valori” citati dall’articolo di Cecc. Aridatece Zuccopycat. (chr.ro)

18 giugno 2005

Michael Leeden e la verità sull'Iran

Ecco una chicca per voi...credo che mike leeden non abbia bisogno di presentazioni tra di noi comunque da noi quelli di repubblica lo chiamano il falco neocon(non sanno nemmeno chi sono i neocon chiedetelo a Cr.Rocca).Non credo l'inglese crei problemi a nessuno,poi è anche molto semplice!



MICHAEL LEEDEN
June 16, 2005, 7:52 a.m.When Is an Election Not an Election?Iranian farce.

It's symptomatic of the failure of strategic vision from which our chatterers and leaders currently suffer, that so many words and so much energy are being wasted on the immense charade that goes under the name of Iranian "elections." Any normal person familiar with the Islamic republic knows that these are not elections at all, and for extras have nothing to do with the future of the Iranian nation. They are a mise en scene, an entertainment, a comic opera staged for our benefit. The purpose of the charade, pure and simple, is to deter us from supporting the forces of democratic revolution in Iran.
Ask yourself two simple questions. Does the president of Iran hold any real power? Has any "candidate" (of which there are eight) been chosen by anyone other than the supreme leader and his cronies?
No, and no. Whoever is "elected" (and you can be sure that the outcome is already known, millions of "officially cast" ballots having been manufactured weeks ago, to ensure the right guy wins and that enough votes will have been cast) will be an instrument of the mullahcracy. The sole "issue" in the farce is how best to convince George W. Bush that it would be wrong for the United States to press on with support for the forces of freedom in Iran, because that would "force" the mullahs to crack down (which they are doing already). The slogan for the post-electoral period will be "give reform a chance." And you can be sure that the useful idiots among us, from the Amanpour woman at CNN to the Haass man at the Council on Foreign Relations, have already prepared their sermons and their slogans, ranging from "hopes for a new relationship" to "a rare opportunity for an historic dialogue," and other such slogans.
We have heard these slogans before, applied to other tyrannies shortly before they attacked democratic societies. When Stalin ruled the Soviet empire, great attention was paid to elections to the Politburo, as if the Molotovs and the Berias were independent actors, capable of moderating or liberalizing or reforming the Soviet Union. When the Fuhrer ruled the Third Reich, even British diplomats confidently announced that Hitler had "no further territorial ambitions," and was, after all, surrounded by reasonable industrialist types like Goehring. And who can forget — actually, who can remember — the surge of empathy when it was announced that comrade Andropov — until yesterday the boss of the KGB and now the new Soviet dictator — liked jazz?
Sensible folks have learned that it isn't about personality, it's about freedom and tyranny. All the totalitarian regimes of the last century staged elections, and they were all meaningless, because the structure of the state concentrated power in the two hands of the dictator, and exercised through the single party.
The president has had this right for a long time, and I'm delighted to report that, three days ago, the State Department spokesman delivered an eloquent condemnation of the fraudulent exercise about to take place in Tehran. And I am also pleased that Human Rights Watch has started to pay attention to the grave condition of dissident journalist Akbar Ganji. Perhaps the editorialists at the New York Times and the Washington Post could tear themselves away from the imagined horrors of Guantanamo and denounce the systematic oppression of nearly 70 million Iranians.
It is unlikely this will happen, both because any journalist in Iran who reports fully on the nature of the regime risks expulsion or — as in the celebrated case of the female Canadian journalist who got too close to the truth — death. And because anything that makes the Iranian regime "look bad" automatically makes W "look good," and most journalists don't want that.
Who's going to win, you ask? I don't know. For months I have assumed that Rafsanjani would walk away with it. But when Supreme Leader Khamenei ostentatiously overruled his henchmen, permitting a nasty pseudo reformer by the name of Moin to run, I have wondered if Khamenei knew something I didn't. Rafsanjani's sins — from gross corruption to mass murder — are fairly well known, and there are probably limits beyond which even a British foreign secretary or a French foreign minister will not go to make nice to the mullahs. President Rafsanjani would test those limits. Moin, on the other hand, isn't so well known, he's got that lean and hungry look instead of Rafsanjani's portliness, and he might be more convincing as he plays that most difficult role: the moderate face of islamofascism.
I haven't checked the morning line recently, and I certainly wouldn't bet the family oil well on it, but a small bet on Moin might be a good hedge. On the nose, of course (have you seen the pictures?).
— Michael Ledeen, an NRO contributing editor, is most recently the author of The War Against the Terror Masters. He is resident scholar in the Freedom Chair at the American Enterprise Institute.

17 giugno 2005

Buona Notte ONU. di christian rocca

CAMILLO

Buonanotte Onu

IL FOGLIO, 15 giugno 2005

New York. E’ una settimana mica male, questa, per le Nazioni Unite e per il suo claudicante segretario generale. Due messaggi di posta elettronica, scoperti per caso in un archivio di Ginevra, hanno messo Kofi Annan nei guai, al punto che la Commissione indipendente d’inchiesta su Oil for food ha subito comunicato che riaprirà “urgentemente” il caso. Contemporaneamente, ieri, una task force bipartisan creata dal Congresso americano ha presentato un progetto di riforma dell’Onu, sostenendo che “le Nazioni Unite hanno bisogno di riforme e di un rafforzamento, viceversa rischiano il declino di credibilità e il loro futuro sarà a rischio”. Oggi, poi, il Congresso voterà una proposta di legge, già approvata in Commissione, che blocca automaticamente fino a metà dei finanziamenti americani al Palazzo di Vetro, se non saranno approvate un mucchio di radicali riforme. In settimana, infine, dovrebbe finire l’ostruzionismo del Partito democratico nei confronti di John Bolton, l’ambasciatore all’Onu nominato da George Bush e ancora in attesa di conferma del Senato.
smentita la difesa del segretarioLa notizia è comparsa due giorni fa in un breve articolo di Judith Miller sulle pagine interne del New York Times, e il giorno dopo è stata ripresa con scarso rilievo dai giornali italiani. Eppure è clamorosa, perché smentisce tutta la linea difensiva di Annan nello scandalo Oil for food, il programma petrolio-in-cambio-di-cibo gestito dall’Onu fino alla caduta del regime di Saddam. Oil for food avrebbe dovuto sfamare la popolazione irachena, vendendo una parte del petrolio di Saddam bloccato dall’embargo Onu, ma in pratica ha rafforzato il regime e ha creato il più grande giro di corruzione e di contrabbando della storia (21 miliardi di dollari). La società che avrebbe dovuto controllare il corretto funzionamento della parte alimentare del programma, la Cotecna, pagava regolarmente il figlio di Annan, Kojo. I due Annan in un primo momento hanno negato i pagamenti, poi le inchieste hanno provato che Kojo ha ricevuto uno stipendio fino a pochi mesi fa, in teoria per non fare niente. Il dubbio che si trattasse di una contropartita per l’assegnazione dell’appalto è diventato molto forte quando si è scoperto che la Cotecna vinse l’appalto perché la sua offerta era meno onerosa di quella dei concorrenti, salvo però aumentarla, fino allo stesso prezzo degli sconfitti, pochi giorni dopo la firma del contratto. Kofi Annan si è difeso dicendo di non aver mai saputo dell’interesse di Cotecna per l’Iraq, anzi di averlo appreso soltanto ad appalto assegnato. La Commissione indipendente presieduta da Paul Volcker gli ha creduto, cioè non ha trovato prove di corruzione di Annan, al punto che il segretario ha detto di essere stato “assolto” dalle accuse. I membri della Commissione hanno dovuto precisare che no, non è stato affatto del tutto esonerato e un giornalista di Al Jazeera, alla conferenza stampa di presentazione del Rapporto Volcker, ha chiesto: “Come pensate possa essere credibile che padre e figlio non abbiano mai parlato di un affare multimilionario in cui erano entrambi coinvolti e da cui dipendeva la vita di 25 milioni di persone?”. Ora sono comparse queste due e-mail a smentire Annan. Sono state trovate negli archivi della Cotecna da una delle cinque inchieste federali americane che indaga su Oil for Food. Sono state scritte da un dirigente di Cotecna e indirizzate ai vertici della società una settimana prima della gara d’appalto. L’anno è il 1998. Il dirigente è Michael Wilson, ghanese come il segretario, grande amico di famiglia degli Annan e d’infanzia di Kojo. Wilson chiama Kofi Annan “zio”. Nella prima e-mail, Wilson ha scritto ai suoi capi di aver incontrato il segretario generale e il suo staff a Parigi, e questi gli hanno dato consigli sulla gara e la rassicurazione di “poter contare sul loro sostegno”. Un portavoce Onu ha confermato che quel giorno Annan si trovava a Parigi, ma ha detto che il segretario non si ricorda di quell’incontro avvenuto una settimana prima che la Cotecna ottenesse il contratto.
senza svolta, stop ai soldiUna task force bipartisan, guidata dagli ex leader repubblicani e democratici Newt Gingrich e George Mitchell, ha presentato un rapporto con le proposte di riforma delle Nazioni Unite, un organismo giudicato “fossilizzato” e incapace di autoriformarsi con l’attuale leadership. Tra le raccomandazioni contenute nelle 154 pagine del rapporto ci sono l’istituzione di una forza di intervento rapido per prevenire genocidi, stragi e gravi violazioni dei diritti umani; una commissione indipendente di controllo dei conti; un sistema di votazione che sulle questioni finanziarie dia più potere alle nazioni che contribuiscono maggiormente al bilancio. La task force ha suggerito di far partecipare soltanto le democrazie ai lavori della Commissione sui diritti umani e ha chiesto alla Casa Bianca di nominare un ambasciatore ad hoc per organizzare il gruppo delle democrazie dentro l’Onu e quindi promuovere i diritti democratici dentro i paesi membri. Oggi, infine, il Congresso voterà la “U.N. Reform Act of 2005” che, se approvata, introdurrà riforme finanziarie e strutturali nel sistema Onu. Se almeno 32 delle 39 riforme Onu suggerite dalla legge non saranno approvate, gli Stati Uniti ritireranno automaticamente metà della propria quota annuale che, nel 2006, sarà di 439 milioni di dollari. Christian Rocca

First of all

Bhe salve.....vengo subito al nocciolo e preciso che la finalità ultima del blog è di aggregare chi è amante di tutto ciò che è riconducibile ai valori degli Stati Uniti d'America: Libertà individuale, Governo limitato e mercati liberi.
Di promuovere il modello di civiltà liberale americano tramite lo spirito di libertà che è tipico dell'uomo Americano.
Nella speranza che il virus della libertà contagi pian piano tutti quanti presto o tardi....e se ha bisogno di una spintina,ebbene, noi certamente gli daremo una mano!
Pertanto invito a seguire tutti i pensatori,giornalisti,scrittori che supportano questi ideali.
Nella speranza di non deludervi.

SUPPORT OUR TROOPS