01 luglio 2006

Ammettiamolo

Il Pacchetto Bersani è buono, molto positivo. Non iniziamo a fare come la scorsa opposizione, le liberalizzazioni le dobbiamo sostenere, pragmaticamente, anche se costa ammettere le vittorie dell'avversario. Soprattutto perchè dalle liberalizzazioni ci guadagnamo tutti, anche noi.
Per i giudizi tecnici leggiamo Phastidio, le proteste delle categorie "colpite" dalle liberalizzazioni sono comunque un buon segno circa la validità della manovra, come dice aa. Nonostante si potesse fare di più e meglio, questo governo ha già fatto di più di quello precedente sul capitolo liberalizzazioni; il che non può che farci piacere.
La nota negativa è l'assunzione indiscriminata di 23.500 precari nella scuola pubblica, in barba alla meritocrazia immolata sull'altare del più becero assistenzialismo. Comunque credo che questa sia la moneta pagata alla sinistra estrema per far digerire le liberalizzazioni che altrimenti non avrebbero votato nemmeno sotto tortura.
Tutto sommato per noi questo governo era il simbolo dello statalismo paternalista, quindi lo mettevamo già in conto, perciò il bilancio è più positivo del previsto.
Spiace ammetterlo, potete immaginare quanto, ma non si può essere liberali a corrente alternata. Berlusconi sembrava una montagna liberale ma poi partori' un topolino, qui abbiamo avuto un gattino se non altro, e accogliamo perciò questo primo passo con favore.

UPDATE: Per chi avesse dubbi sul fatto che i soldi pubblici vadano a....puttane. Letteralmente.
In Olanda il premier Balkenende si dimette dopo che è stato messo in minoranza, un brutto colpo per la sua coalizione di centrodestra. Ora si torna al voto.

Questo post è visibile anche su Libero Blog. Si ringrazia la Redazione per l'attenzione concessa.

22 Comments:

Anonymous Anonimo said...

Se tutti, con idee di sinistra o di destra, fossero intelligenti come l'autore di questo articolo, sicuramente l'Italia andrebbe molto ma molto meglio.
Complimenti.

6:10 PM

 
Blogger GeorgeWalker said...

beh ti ringrazio,troppo buono.
Io cerco di essere pragmatico,in ogni cosa,quindi non mi faccio molti problemi a riconoscere meriti e demeriti di qualsivoglia parte politica.
ciao

6:37 PM

 
Anonymous Anonimo said...

articolo molto buono, solo un piccolo appunto : l'assunzione dei precari nella scuola fa parte del piano triennale di immissione in ruolo approvato dal precedente governo l'attuale ministro ha posto solo la firma sul decreto

7:37 PM

 
Anonymous Alessandro Fiaschi said...

Sono critico sulle misure prese dal governo e che. Alcune andrebbero bene, ma mi meraviglia la fretta e la mancanza di contatti con le associazioni di categoria. Sono poi scettico sull'abolizione dei tariffari degli ordini professionali. Il decreto prevede infatti anche la liberalizzazione tariffaria degli ordini professionali. Leggo: "Per effetto di queste misure si abbassano i prezzi e le prestazioni professionali per gli utenti a parità di qualità, che viene comunque garantita dagli ordini" (Mastella). Ora, sapete chem in UK, questo semplice fatto ha fatto crescere, piuttosto che abbassare, le tariffe degli avvocati più "bravi" (in senso manzoniano)? Tenendo conto che la riforma (epoca centrosinistra) del "giusto processo", ha trasformato la figura dell'avvocato in procacciatore (e inventore) di prove, si rischia di allargare il divario tra ricchi e poveri, nella protezione e nell'affermazione dei diritti. Capisco che un democristiano come Mastella non se ne renda conto, ma bisogna stare attenti a queste cose. Tornando alle tariffe, esse servivano anche a calmierare verso l'alto le parcelle. Non vorrei essere pedante, ma una vera manovra liberale sarebbe stata la liberalizzazione degli accessi alle professioni, non la vendita dell'aspirina fuori dalla farmacia! A proposito, per quanto concerne la questione della vendita dell'aspirina al supermarket, Bersani non è nemmeno riuscito a fare un provvedimento all'inglese: nel decreto infatti si impone la presenza costante di un farmacista (anche al supermarket!). Sulla decisione relativa ai tassi bancari, potrebbe essere contraria alle leggi europee: fittiziamente ed in maniera dirigista, si cerca infatti di condizionare amministrativamente le politiche di tasso degli istituti di credito. Quanto al Codacons che sbandiera futuri risparmi per 500 Euro, preferisco non fare commenti su un'associazione fattasi partito politico. Un'ultima cosa: stranamente, a parte i medici, l'unico ordine non interessato da questa riforma "ultraliberista", e che anzi è giubilante nel suo parassitismo, è quello dei giornalisti. Di sicuro più potenti dei taxisti. Saluti.

9:00 PM

 
Anonymous Alessandro Fiaschi said...

P.S. la strada del decreto legge è frutto più di debolezza che di forza. Primo perché non potrà essere immediatamente efficace (via la necessità di regolamenti attuativi), secondo perché è stata scelta per condizionare il Senato. Ne vedremo delle belle.

9:01 PM

 
Blogger GeorgeWalker said...

Alessandro,apprezzo il tuo approfondimento,e lo condivido.Una analisi complessiva infatti la potremo fare dopo che il procedimento passerà per le camere.Io ho voluto comunque sottolineare la bontà della direzione in cui il provvedimento andava,non lo approvo acriticamente.Inoltre ci tengo che tutta l'opinione pubblica si convinca della necessità e dell'estrema utilità di misure di liberalizzazione in italia,e questo è possibile solo se si appoggiano i tentativi di attuazione,sia che vengano da destra che da sinistra.
Stai certo che se il provvedimento si sgonfierà sarò il primo a picchiare duro.
Per ora mi limito a dare un giudizio positivo sui dati esposti.
Ciao

11:41 PM

 
Anonymous CalcaMutin said...

Mah...in tanti anni mi sono lamentato di molte cose, ma di certo non dei tassisti, dei farmacisti e dei notai. Mi sono lamentato di insegnanti, impiegati statali, tasse, strade, crimine impunito, politici, giornalisti, magistrati, ma non dei tassisti o dei farmacisi o dei notai. Abbiate pieta' di me. Non solo i beceri catto-comunisti che hanno rovinato il paese negli ultimi sessant'anni dilagano e occupano tutto con vittorie dello 0,06%, ma voi, che eravate l'ultima fiammella di speranza, vi mettete pure ad applaudirli. Non ho piu' parole.

Calca.

3:37 AM

 
Anonymous Prove tecniche di trasmissione said...

Concordo con te, però riguardo al fatto delle titubanze dell'estrema sinistra non sarei d'accordo, dopotutto queste sono liberalizzazioni da oligopoli di privati, non da monopoli statali.

8:46 AM

 
Blogger GeorgeWalker said...

Calca,mi dispiace che tu abbia interpretato l'appoggio a questa manovra come un applauso o come un voltafaccia.Pensavo di aver chiarito nel post che l'appoggio era contingente a questo provvedimento.Il fatto che ci siano tutte le maggiori categorie,ordini e corporazioni da liberalizzare non penso che sia un buon motivo per rigettare questo primo passo.Se creiamo consenso sulle liberalizzazioni sia a destra che a sinistra sarà più possibile agire anche sulle categorie più protette,perchè se non cominciamo da qualche parte non si parte mai. Nel merito della manovra potremo entrare una volta che il decreto sarà stato approvato e,credimi,se uscirà una schifezzina sarò il primo a criticarlo duramente.
Spero di essere stato chiaro.
Ciao.

X P.T.T: mi dispiace ma l'estrema sinistra di oligopoli se ne intende molto bene e se bersani toccava giornalisti,casse integrazioni o pubblico impiego avresti visto una gazzarra.E' stato un provvedimento limitato alle categorie non sensibili agli alleati più radicali,questo è molto chiaro,Prodi è un mediatore e di certo avrà avuto molto da sudare.

10:15 AM

 
Anonymous Rinaldo Sidoli said...

Finalmente si fa qualcosa per i cittadini consumatori. La liberalizzazione permetterà un risparmio effettivo per le famiglie.

La monovra correttiva dei conti e liberalizzazioni di Prodi

10:32 AM

 
Anonymous Anonimo said...

Ammettiamo: c’è del buono in questo Pacchetto Bersani. E si è aggiunto quella “class action”, tanto richiesta dalle Associazioni dei Consumatori, che consente - finalmente! - di fare delle cause collettive. pensiamo solo ai recenti scandali, dove ogni gabbato è dovuto andare da solo, pagando avvocati ecc. ecc.
Ora, una sola Associazione può rappresentarne tanti con un solo gruppo d’avvocati...
Non so chi disse che, con prodi, avremmo finalmente visto un po’ di “sana politica di destra”. Era una battuta, ma le tanto strombazzate “liberalizzazioni” il centro-destra più che altro le ha annunciate, senza farle. Ora, bersani le ha iniziate.

3:40 PM

 
Anonymous Anonimo said...

A me dava fastidio vede la vecchia opposizione insultare e denigrare qualsiasi provvedimento del centro-destra. Dicevo: "non sarà come lo volete voi, ma se è buono perchè non votarlo, spiegando che voi lo avreste fatto si, ma in maniera diversa?". Prendevo l'esempio del provvedimento sull'infibulazione, che una parte politica di sinistra ha votato contro perchè non era previsto l'asilo politico per chi subiva quella tortura nel proprio paese (vado a memoria). Perchè votare contro? Intanto andiamo avanti, poi si aggiungeranno altri pezzi! E oggi vedo il centro-destra fare più o meno la stessa cosa!!! Io sono per liberalizzare e se anche il pacchetto Bersani non sarà perfetto bisogna dire agli italiani che è quella la strada! Ci vuole molto ad essere politici seri e coerenti in Italia? Credo di si... Triste.

Simone

11:23 PM

 
Blogger GeorgeWalker said...

Simone è la storia di questo paese purtroppo,riforme seguite da controriforme.Se il centrodestra sarà intelligente incalzerà il governo a fare di più e meglio sulle liberalizzazioni,ma credo che in questo periodo i cani sciolti abbiano la meglio e ognuno farà per conto proprio e le uniche voci che si sentiranno saranno quelle che si oppongono a priore.
Ciao

9:22 AM

 
Anonymous Anonimo said...

per calcam
4700 euro per poter comperare una casa pagati ad un notaio che haredatto un atto errato e con clausole vessatorie e nella lettura s'e pure dimenticato pezzi.
Sarà un caso? no poi da quando sono agente immobiliare 2% provvigionetotale o visto altri atti anche peggio......

10:33 AM

 
Anonymous l'altra rossa said...

Non sono feratissimo in materia,faccio quindi una domanda:
se con le liberalizzazioni aumenta l'offerta(ovviamente in modo indiscriminato)non è che il lavoratore singolo,appartenente a questa o quella categoria,ci rimette terribilmente dal punto di vista salariale poichè la domanda rischia di non variare?Ciao

10:10 AM

 
Blogger GeorgeWalker said...

guarda il punto è che ancora non sappiamo come il decreto uscirà fuori,quindi è ancora difficile far previsioni su come varieranno domanda e offerta.
Il punto è che il lavoratore singolo appartenente a una categoria,esempio i tassisti,ha vissuto finora di rendita,quindi devi ribaltare il ragionamento.
Ad ogni modo sento già dei segnali bruttini,anche da Bersani che spiega come la manovra non è di liberalizzazione,il che mi fa sentire puzza di rettifica.
Aspettiamo a vedere come va a finire tra pressioni delle categorie e voto in parlamento.
Poi c'è il pacchetto Visco...

10:35 AM

 
Anonymous l'altra rossa said...

Comunque devo dire che esponi molto bene i tuoi ragionamenti,spero che un giorno tu(se non lo fai già)ti metta a fare politica in qualche partito dell'area del centro destra o del partito unico.Anche in "Dietro Le linee nemiche"ho trovato dei ragazzi molto in gamba,Bobo,The Boss,Ago86,mezzo,probabilmente vi conoscete spero che tutti sfruttiate al massimo le vostre potenzialità per il bene di questo paese.

2:27 PM

 
Blogger GeorgeWalker said...

Ti ringrazio molto.Non si può mai sapere,anche se la classe politica italiana non mi attrae affatto.
Ciao

4:02 PM

 
Anonymous l'altra rossa said...

la classe politica italiana non mi attrae affatto.

Proprio per questo ci vogliono personaggi nuovi e pieni di energia
oltre che preparati.
A me Prodi ad esempio non sembra molto enegico.

9:00 AM

 
Blogger GeorgeWalker said...

eheheh mica solo a te...
Ciao:)

10:25 AM

 
Anonymous Anonimo said...

Volevo contribuire alla discussione. Pur ammettendo che sicuramente e' stato fatto un atto di coraggio che mi aspettavo dalla cdl, volevo approfondire cio' che norma l'art 36 comma 26 del decreto : penalizza fortemente i lavoratori dipendenti (non dirigenti o quadri) che hanno visto passare la tassazione sulle stock option dal 12,5 al 43%. Se l'0biettivo e' recuperare base imponibile sull'irpef e' giusto farlo con delle soglie progressive (la sinistra se ne lamento' con la cdl)non che un impiegato riceve 3000 euro e ne da allo stato 1400 a fronte delle 400 precedenti.

12:58 PM

 
Anonymous luigi said...

George,
hai scritto un buon articolo e molto obbiettivo, dicendo cose che non sempre l'opposizione è in grado di ammettere.Spero solo che la liberalizzazione, tanto promessa, non si traduca in un flop.Infatti i taxisti hanno già ottenuto sostanziali modifiche che stravolgono il progetto iniziale.Ora si sta trattando con i farmacisti che mi sembra abbiano gradito alcune modifiche anche se ancora non ben chiare.Speriamo che bersani abbia il coraggio di tenere le sue posizioni.Vedremo.Il primo round è stato a favore della controparte.

11:13 AM

 

Posta un commento

<< Home