13 luglio 2006

Cossiga dove sei finito?

Il presidente emerito della Repubblica si era subito affrettato a scusarsi per le parole di Materazzi che evidentemente conosceva perfettamente: "Ho inviato una lettera al presidente della repubblica algerina e al presidente Chirac - ha detto Cossiga - chiedendo scusa per il comportamento del nostro eroe a quattro miliardi al mese". Cosa le risulta abbia detto Materazzi a Zidane? "Gli ha detto: 'tua sorella e' una puttana, sporco arabo e terrorista'".
Peccato che le fonti di Cossiga siano state un po' manchevoli sia sullo stipendio del giocatore che sulle parole da lui pronunciate, infatti il difensore ha spiegato: "Non gli ho detto nulla che riguardasse razzismo, religione e politica. Non ho parlato neppure della madre".
Lo stesso Zidane in diretta tv smentisce insulti razzisti o politici, facendo una pessima figura. Una figura da francese, nessuna novità.
Forse era meglio attendere un attimo in più prima di sbracare cosi clamorosamente.
Siamo sicuri che non sentiremo più proferire verbo dal senatore a vita dopo questa gaffe autolesionistica. Siamo inoltre sicuri che, alla luce della provenienza e dell'entità della sua remunerazione, l'ex presidente si guarderà bene in futuro dal fare battute sugli stipendi più o meno alti di persone stipendiate da privati.
Privati che hanno la totale libertà di buttare i miliardi dove più gli aggrada, visto che i soldi sono, appunto, privati, a differenza della lauta pensione del presidente emerito.

Ieri sera nel frattempo Zidanimal si è scusato un po' con tutti: bambini, spettatori, francesi, etc..
Con tutti tranne che con Materazzi, l'unico a cui doveva davvero delle scuse, l'unica vittima della sua testa di cazzo, per l'appunto.
Che dire, è evidente che la classe l'ha lasciata proprio tutta a sua madre.
Un solo favore vorremmo da lui.
Come direbbero gli amici messicani: "retirate cavron!"

UPDATE: Ecco, era solo questione di tempo, grazie Cossiga.