04 settembre 2006

Goodbye Steve

Addio Steve. Molti lo avranno visto, sia qui che all'estero, in qualche documentario naturalistico alle prese con coccodrilli o serpenti, o con ogni sorta di animale estremamente pericoloso, ma sempre col sorriso in faccia stampato e la felicità di un bambino capace di farti amare anche le creature più pericolose del pianeta. Anche e soprattutto per questo, il cacciatore di coccodrilli australiano più famoso al mondo ci mancherà molto.
Mancherà molto anche alla sua famiglia, a cui vanno i nostri pensieri in questo momento. Probabilmente la natura ti ha preso in questo modo cosi assurdo proprio perchè ti si potesse ricordare per quello che eri e facevi.
Ora riposa in pace.

6 Comments:

Blogger Watergate said...

ogni tanto guardavo i suoi documentari, che gran pazzo!

9:22 AM

 
Blogger GeorgeWalker said...

ciao wat, si poteva sembrare spregiudicato ma è perchè è cresciuto assieme al padre stando sempre a contatto con quegli animali pericolosi,quella che poteva sembrare una confidenza eccessiva in realtà era una familiarità che gli dava il controllo della situazione.Ero a L.A. due anni fa e l'ho anche visto di persona,è pazzesco come riusciva a farti apprezzare animali pericolosi,poi era sempre felice come un bambino e ha dato e fatto tanto per la sua Australia.Davvero una disgrazia.ciao

9:53 AM

 
Anonymous l'altra rossa said...

Prima lo sospettavo,poi dopo aver sentito che era criticato dagli animalisti ho capito:GLI"ANIMALISTI"SONO DELLE GRAN TESTE DI CAZZO!
Non ho approvato solo quando si avvicinava alle bestie col figlio,ma è stato un grande amante della natura.

3:03 PM

 
Blogger GeorgeWalker said...

rossa,la verità è Steve era uno dei pochi veri amanti della natura e degli animali,lui si sporcava le mani e si divertiva perchè quella era la sua vita fin da bambino,è cresciuto sulle orme e gli insegnamenti del padre.
Gli animalisti che intendi tu sono la maggioranaza e sono quelli che aprono solo tanto la bocca,fanno tanta politica anti qualunque cosa,ma di natura non sanno nulla,sono semplicemente dei marxisti che si vestono di verde.
Lui con l'ideologia ambientalista non ha nulla a che vedere,prova ne è che è amato in tutto il pianeta,ma non senti nemmeno una parola da quelle organizzazioni enormi tipo greenpeace e affini,un motivo c'è.
ciao

3:10 PM

 
Anonymous l'altra rossa said...

Era proprio quello che intendevo,sottoscrivo e quoto.

In Italia come amante della natura abbiamo avuto Carlo Ripa di Meana,che voleva difendere le foreste...si quella di sua moglie che gliel'hanno rasa al suolo.

10:32 PM

 
Blogger GeorgeWalker said...

non ho presente il fatto,ma posso immaginare i personaggi.Tante parole e tanta politica con il solo scopo di mettersi in mostra.
ciao

9:42 AM

 

Posta un commento

<< Home