17 dicembre 2006

Con Welby per la libertà di tutti

Chi vi scrive non ha mai lesinato critiche alle iniziative politiche degli ex Radicali e del Guru in particolare, ed è per quello che ho seguito i Riformatori Liberali senza indugio.
Ma ci sono battaglie politiche che non si possono non condividere con gli amici radicali nel centrosinistra, e la battaglia, termine forse inappropriato, per e con Piergiorgio Welby è una di queste.
Dopo la desolante e disarmante decisione del giudice di Roma si resta impietriti dall'arretratezza e dalla incredibile illiberalità del sistema dei diritti italiano.
Risulta agghiacciante scoprire che tuttoggi non ci sia in Italia la libertà di decidere del proprio corpo, sulla propria vita e sulla propria morte, e che il proprio medico curante possa addirittura essere incriminato per omicidio se si ponesse nelle condizioni di eseguire la volontà del paziente sulle sorti della propria vita, la propria sottolineo.
Dopo le abominevoli parole di un senatore della repubblica circa la non proprietà privata della propria vita si prova un senso di totale subalternità allo Stato che, in Italia, non accenna a mostrare la sua volontà autoritaria e moralizzatrice sulla società.
Il dramma delle libertà individuali in Italia ha portato un uomo coraggioso come Welby a offrire la propria sofferenza per il bene di tutti coloro che, nelle sue stesse condizioni, si trovano nella impossibilità di autodeterminare una propria scelta che, avversata dallo Stato confessionale ed autoritario, viene costretta alla quotidiana clandestinità e affidata alla pietà di qualche medico, il tutto in un segreto e in un silenzio assordante.
In gioco non c'è solo la libertà di Welby, ma c'è il futuro delle libertà individuali in Italia.
E' per questo che sostengo in pieno l'azione dei Radicali Italiani e che esprimo la commossa vicinanza ideale a Piergiorgio Welby e alla sua famiglia, costretti dallo Stato contro le proprie volontà nell'anno del signore 2006 in una "moderna democrazia laica e liberale occidentale".
Per le libertà individuali sempre, comunque e con chiunque.
Un abbraccio a Piergiorgio e un saluto di vicinanza a tutti gli amici radicali e liberali in Italia e nel mondo che in queste ore sono in piazza per la libertà.

2 Comments:

Blogger Jinzo said...

Grazie mille per il link. Avanti con Welby e per Welby.

5:03 PM

 
Blogger GeorgeWalker said...

e di che amico,la frase che hai riportato è talmente orribile ed esemplificativa della gentaglia che abbiamo in parlamento che merita il risalto maggiore al maggior numero di liberali possibile.
Sempre accanto a chi rivendica le libertà individuali,tutte.
Ciao!

5:39 PM

 

Posta un commento

<< Home