05 giugno 2007

V come Vergogna

Fare lunghe analisi della bufera che si sta scatenando attorno allo scandalo degli abusi del viceministro Visco in questo momento mi sembra inutile, perciò mi limito a fare una breve riflessione sullo stato di corruzione materiale e morale di questo nostro disgraziato paese.
Sentendo e leggendo le incredibili dichiarazioni di questi giorni di tutto il mondo politico una sola cosa mi sono chiesto prima di tutto della questione Visco: ma perchè non si è ancora dimesso?
Perchè mi sembra davvero surreale il fatto che sia praticamente accertato l'abuso d'ufficio commesso, e nonostante questo Visco non senta la necessità, prima di tutto per il bene dell'istituzione che sta servendo, di rassegnare immediate dimissioni e di chiedere scusa al paese.
Inoltre trovo ancora più assurdo che siano in tantissimi a difenderlo a spada tratta, e cosa ancora più vergognosa il fatto che uno dei più importanti quotidiani italiani (evito le citazioni e i riferimenti per lo schifo) si sbilanci in patetici tentativi di ribaltare la situazione facendo apparire il Governo come vittima invece che come principale incriminato, oltretutto aleggiando ridicoli complotti massonici ai danni dei poveri governanti indifesi del centrosinistra: insomma, niente meno che una farsa tragicomica racchiusa in un balletto tra docili chirichetti pro o contro il governo che fanno la corsa a chi è più schiavo del padrone.
Tutto ciò è avvilente per il mestiere il giornalismo oltre che ad essere avvilente per l'essenza di ogni ordine democratico in cui la stampa dovrebbe essere il cane da guardia del potere politico.
Per esprimere la mia profonda vergogna di essere cittadino di un paese in cui accadono certe nefandezze, a prescindere dalla parte politica che se ne macchia evidentemente, mi limito a fare presente come in altri paesi, come la Svezia pochi mesi fa, è bastato che si scoprisse che un ministro non aveva pagato il canone per la TV di stato (!!!) perchè questi rassegnasse immediatamente le dimissioni e si scusasse pubblicamente per il danno recato alla credibilità delle istituzioni.
In Italia evidentemente la coscienza privata e pubblica è cosi profondamente corrotta ed irresponsabile che probabilmente nemmeno se il Presidente della Repubblica fosse sospettato di alto tradimento egli avrebbe il buon gusto di dimettersi.
Non so come andrà a finiri tutta la questione, perchè in questo paese non si sa come mai, ma tutto finisce sempre in un modo o ridicolo o allucinante, ma per il momento penso di esprimere il sentimento di molti quando dico che mi vergogno di appartenere in un paese dove accadono certe cose.
COME ROSICANO A REPUBBLICA...DA CREPARE DAL RIDERE!!!

2 Comments:

Anonymous Cyrus said...

sono perfettamente daccordo con te... da notare anche la marea di blogger tradizionalmente sinistrorsi e radical chic che ultimamente si stanno occupando di tutto tranne che di politica,girando colpevolmente la testa dall'altra parte. L'italia (con la "i" minuscola) è anche questa

6:14 PM

 
Blogger GeorgeWalker said...

senza dubbio, ma lasciando perdere i bloggers sinistroidi che da privati cittadini possono fare quel cazzo che gli pare e io posso scegliere semplicemente di ignorarli, perlomeno gli organi di informazioni potrebbero approcciarsi alle questioni politiche con un minimo di senso critico, mentre da una parte e dall'altra assistiamo sempre e solo alle curve da stadio che si abbaiano contro.
Tante parole non servono a niente se poi al potere politico è concesso tutto, il che è davvero sconvolgente.
ciao

6:37 PM

 

Posta un commento

<< Home