23 settembre 2008

Moratti, il petrolio, la Borsa e l'Onestà

Oggi la cronaca sportiva è stata scossa da una notizia, un articolo pubblicato su Repubblica cartacea, che interessa anche il mondo del calcio, inteso come Inter. Riportiamo l'articolo di Walter Galbiati per La Repubblica:




Saras gonfiata per la Borsa e per l'Inter
La perizia dei pm, indica 700 milioni il plusvalore pagato per la società di Moratti

Quel titolo valeva tra 4 e 5 euro per azione. Invece le banche e la famiglia Moratti lo hanno piazzato sul mercato a 6 euro. E per farlo, secondo la ricostruzione del consulente tecnico della procura di Milano, Marco Honegger, non avrebbero pubblicato alcuni dati rilevanti nel prospetto informativo.

Che la quotazione di Saras, la società di raffinazione di Sarroch, non fosse stato un grande affare per il mercato, lo si era capito fin da subito, quando il giorno successivo alla quotazione, avvenuta il 18 maggio 2006, il titolo aveva perso oltre il 10 per cento del suo valore. Il consulente tecnico ha ricostruito in un documento di oltre 400 pagine i motivi di quella debacle. E ha ipotizzato che l´incasso della quotazione sia servito soprattutto a un ramo della famiglia, quello di Massimo Moratti, per far fronte ai debiti dell´Inter. Con un contestuale danno per il mercato di 770 milioni.

Tutti, gli analisti, i banchieri e gli investitori istituzionali avevano capito, durante le varie tappe che hanno portato la Saras in Borsa, che quella valorizzazione era troppo elevata, eppure nessuno ha fatto nulla per correggere il tiro. Un dato è emerso chiaramente dall´analisi di Honegger: l´utile di gruppo, il principale indicatore su cui calcolare il valore della società, era "gonfiato". «Si è potuto riscontrare che l´informativa da Prospetto - scrive il consulente - non aveva evidenziato l´esistenza di una considerevole componente di utili non ricorrente nei dati storici, dati unici su cui basarsi per la decisione di investimento (quantomeno per il pubblico indistinto)».

La mancanza si riferisce all´utile 2005, pari a 292,6 milioni di euro. Una cifra riportata tale e quale nel prospetto, senza avvisare i risparmiatori che il dato era "gonfiato" da utili derivanti dalle scorte di magazzino. Dalla documentazione sequestrata dalla Guardia di Finanza presso Jp Morgan, una delle banche advisor per la quotazione, invece, emerge chiaramente che nei report su Saras redatti prima della quotazione, gli analisti, compresi quelli di Morgan Stanley e Caboto di Banca Intesa (gli altri due advisor dei Moratti) prendono in considerazione gli utili depurati ("comparable") per calcolare il valore delle società di raffinazione.

Gli unici a non farlo sono quelli di Jp Morgan. La stessa Saras, come sostiene il consulente, si accorge dell´errore e a partire dal comunicato stampa del 25 ottobre inizia a fornire i dati di utile relativi ai trimestri, così come lo richiede la prassi degli analisti. A febbraio 2007, in un altro comunicato, la società svela che l´utile netto rettificato per il 2005 è di 230 milioni di euro. Con questi profitti, il valore per azione di Saras sarebbe stato tra i 4,1 e i 5,1 euro e non tra i 5,25 e i 6,5 euro, come indicato nel prospetto.

Non vi è nessuna giustificazione di un prezzo di 6 euro nemmeno negli studi delle tre banche che hanno partecipato alla quotazione: «Sulla base delle valutazioni rettificate delle banche d´affari partecipanti all´operazione, il range avrebbe dovuto collocarsi tra i 4 e i 5 miliardi di euro (ossia tra i 4,4 e i 5,6 euro per azione); dunque inferiore di 700 milioni a quello definito in Prospetto Informativo», sostiene la consulenza.

Non è un caso, quindi, che le quotazioni di Saras, dal giorno dello sbarco in Borsa a oggi, si siano allineate ai valori stimati dagli analisti. Se n´erano accorti fin da subito gli investitori istituzionali del calibro di Morley, Strategic Market Analysis, Moore, Plutus, Generali e Polygon, che già in fase di quotazione ("bookbuilding") avevano ridotto significativamente o cancellato gli ordini di acquisto.

Perché allora spingere il prezzo di quotazione? Le email sequestrate dagli inquirenti offrono qualche indicazione. «È vitale che davanti al prezzo ci sia un 6», scriveva il numero uno di Jp Morgan, Federico Imbert, a un suo collega, mentre il bookbuilding attraversava una fase critica. Jp Morgan, oltre alle commissioni per il collocamento, otterrà, cosa taciuta nel prospetto, anche il mandato dalla famiglia Moratti per gestire attraverso la sua filiale di private banking, i lauti proventi della quotazione.

Un altro banchiere di Jp Morgan, Emilio R. Saracho (probabilmente del private banking) svela in una email un ulteriore dettaglio: «Devi essere al corrente del fatto che abbiamo ottenuto 1,6 miliardi di euro, cioè da entrambi fratelli, ma uno dei due deve ripagare 500 milioni di debiti, e così quella parte non la vedremo per lungo tempo».

Sempre Imbert, il 14 marzo 2006, alza il sipario sui presunti interessi di Banca Intesa: «Parlato a lungo con Micciché di Intesa. È contento del lavoro fatto insieme su Saras e Intercos. È personalmente a disposizione per stimolare forza vendita specialmente su Saras. Chiede di informarlo se vediamo problemi o sgranature. Tiene ovviamente molto al successo data l´esposizione sua e di Passera con i Moratti. È stato da lui Galeazzo Pecori Giraldi di Morgan Stanley consigliando di non esagerare sul prezzo. Lui crede che lo faccia per invidia nei nostri confronti».

In un documento, poi, trovato presso la Jp Morgan, intitolato "Materiale di discussione", si spiega la scelta di affiancare un aumento di capitale, non necessario, alla vendita di titoli da parte della famiglia. Se così non fosse, «verrebbe evidenziata una scarsa propensione ad investire e si darebbe l´idea che la proprietà vuole solo fare cassa, prestando il fianco a critiche su altre iniziative (metti i soldi nell´Inter)».

Walter Galbiati, La Repubblica del 23 settembre 2008, pagina 24



Dagospia si chiede "JP Morgan e quelli di BancaIntesa come Miccichè erano al corrente dei Moratti "gonfiati"?", giungendo alla conclusione che "Sono semplicemente clamorose le conclusioni cui sono arrivati i periti della Procura di Milano sulla quotazione in Borsa di Saras, la società della famiglia Moratti che nel maggio di due anni fa è entrata a Piazza Affari.
Le rivelazioni sulla perizia condotta dal consulente tecnico, Marco Honegger, indicano che quella quotazione è stata gonfiata e che il titolo non poteva essere quotato a 6 euro. Il giorno dopo la quotazione migliaia di azionisti e tifosi dell’Inter si sono accorti subito che qualcosa non funzionava perché le azioni cominciarono a precipitare e anche oggi, nonostante il boom del petrolio, il popolo bue soffre paurosamente.
L’aspetto più clamoroso dell’inchiesta che appare oggi su “Repubblica” riguarda comunque le email che nel 2006 si scambiarono i banchieri protagonisti della quotazione Saras, in prima fila Federico Imbert e Emilio Saracho di JP Morgan [...]
In poche parole la perizia dice che banchieri di JP Morgan e quelli di BancaIntesa, come Miccichè, erano forse al corrente che la quotazione del titolo a 6 euro fosse gonfiata per venire incontro al fabbisogno dei Moratti e dell’Inter. Il popolo bue degli azionisti non lo sapeva, e ancora piange."


Noi ricordiamo che, ovviamente, l'inchiesta non è conclusa e quelle trapelate dai giornali sono solo indiscrezioni, anche se molto particolareggiate.
Il tribunale cerca di fare luce su una possibile frode nei confronti del mercato, dei piccoli azionisti e risparmiatori. Quelli che si sono visti presentare un prospetto di investimento che però non raccontava tutto. Honegger fa presente che per arrivare a stabilire il prezzo di collocamento finale è stato utilizzato come metro di giudizio un utile di 292 milioni di euro che la società ha registrato nel 2005, che non era un risultato ripetibile, visto che per arrivarci la Saras ha dato fondo alle scorte di magazzino; in pratica ha venduto più petrolio di quanto in realtà fosse in grado di raffinarne.

Ma sono le email di JpMorgan, Banca Caboto e Morgan Stanley a rendere ancora più nebulosa la vicenda. Nelle missive elettroniche si intravedono operazioni pilotate come, appunto, quella di gonfiare il prezzo per ripianare i debiti di famiglia con la promessa di concedere alle tre banche d'affari anche la possibilità di reinvestire i soldi realizzati dall'operazione. Tutti, tranne i 500 milioni che servivano per i debiti di uno dei fratelli.


Fratelli Moratti che hanno risposto, nel pomeriggio, in modo molto diverso, come riportato dal Corriere della Sera:
Si ipotizza una possibile falsificazione del prospetto di quotazione in borsa.


Saras: Massimo Moratti, «Solo calunnie»

Il presidente dell'Inter liquida le indiscrezioni sull'inchiesta relativa all'azienda di famiglia.
MILANO - «No comment». Il presidente della Saras, Gianmarco Moratti, non ha voluto dire altro in merito all'indagine della Guardia di Finanza sui titoli dell'azienda di famiglia, la Saras, da cui emergerebbero plusvalori destinati a coprire le spese dell'Inter, club di cui è presidente il fratello Massimo Moratti. «Quando c'è un'indagine in corso non si fanno commenti», ha detto Gianmarco Moratti, fuori dagli uffici della Saras.
«Sono calunnie, niente di più» ha detto invece Massimo Moratti che non ha voluto aggiungere altro perchè «c'è un'indagine in corso».



Gianmarco Moratti usa il cervello e fa una dichiarazione accettabile. Massimo, invece, ha una uscita da querela, parlando di calunnie per quanto scritto da Repubblica.

Molti utenti, sui forum, si sono chiesti se gonfiare la quotazione (al momento è l'ipotesi) è stata un'operazione servita e ricollegata alla vicenda della cessione del marchio dell'Inter (a Inter Brand srl). Sembra proprio di no visto che nei bilanci 2007 dell'Inter il debito per il marchio figura ancora; se Moratti, come sembra essere ipotizzato dal pm, ha "fatto la cresta" sulla quotazione certo i soldi non sembra averli adoperati per alleggerire i debiti.

da Ju29ro

2 Comments:

Anonymous Anonimo said...

questo schifoso è il male del calcio italiano

6:14 PM

 
Anonymous Anonimo said...

La ringrazio per Blog intiresny

8:05 PM

 

Posta un commento

<< Home