17 gennaio 2009

Toyota Prius

As with many of Toyota's vehicles, the Prius has become a standard-bearer in its segment. While many automakers have yet to even develop a gasoline-electric hybrid vehicle, Toyota is already on its second generation of the Prius. This four-door hybrid has become a hit with consumers because of its stellar fuel economy, relatively uncompromised driving and acceleration characteristics and reasonable price.

The Toyota Prius (its name comes from Latin and means "to go before") exists as a partial solution to the automobile's problem of tailpipe emissions. The Prius, like other hybrid vehicles, has a special powertrain that combines a gasoline-fueled internal combustion engine with an electric motor. This powertrain, along with other advanced features, allows the Prius to deliver higher fuel economy and lower emissions compared to regular cars.

Due to its popularity and relatively long sales history, Toyota's original hybrid car is a strong candidate for a shopper interested in a used hybrid vehicle. So far, it seems Toyota's reputation for reliability and durability is holding true for the Prius. Early concerns about long-term durability have turned out to be mostly unfounded. However, potential buyers of a used Prius should take extra care during the research process. As the Toyota Prius is quite complex, future repairs and part replacements could be quite expensive.

The current and second-generation Toyota Prius was introduced for the 2004 model year. It features a four-door hatchback body and can seat up to five people. The car's hybrid powertrain features a small 1.5-liter gasoline-fueled engine that's used in conjunction with two electric motors and a special planetary gearset that functions as a continuously variable transmission. The result is adequate power, high fuel economy and reduced tailpipe emissions.

Under full acceleration, both power sources work together to provide maximum oomph. But under lighter load conditions such as stop-and-go traffic, the Prius alternates between the two, often running on battery power alone. A regenerative braking system converts energy normally lost as heat into electricity to charge the car's battery pack. The gas engine produces 76 horsepower and 82 pound-feet of torque, while the electric motors generate the equivalent of 67 hp and 295 lb-ft of torque.

In most other ways, the Toyota Prius functions like a regular family car. The interior is comfortable for four adults and comes standard with most modern convenience features. On the Prius's dash, there's an information display that can be used to show the operational status of the hybrid system. The vehicle's hatchback design provides extra versatility in terms of carrying items, and the rear seat can be lowered flat.

The 2009 Toyota Prius is an impressive technological feat. It offers much better fuel economy than conventional cars and radically less environmental impact. We wouldn't have expected the pairing a small gas engine with a battery-powered motor to create a social phenomenon, but that's what the Prius has done, and it continues to be in demand.

The Prius is the best-selling gas-electric hybrid in the United States and in the world. Toyota sold just 5,600 in 2001, but annual sales expanded to 54,000 in 2004 and 108,000 in 2005. Sales for the first quarter of 2008 were up from the same period in 2007.

Introduced as a 2001 model, the Prius was redesigned for 2004 and updated for 2006. The 2008 Prius gets some new options, notably leather upholstery and a leather-wrapped steering wheel.

We find the Prius to be a comfortable car that's easy to like and live with. It's roomy, with adult-size back seats and lots of cargo space. It's pleasant to look at, with sleek, futuristic styling, easy to spot in a parking lot. In short, we like the Prius.

The EPA ratings for the 2008 Prius are 48 mpg City, 45 mpg Highway, and we're guessing everyday fuel economy for most owners should fall somewhere between 40 and 50 mpg.

While the Prius excels at fuel economy, its performance in terms of emissions is even better. Prius is certified as an Advanced Technology Partial Zero Emissions Vehicle (AT-PZEV); meaning that it meets the Super Ultra Low Emissions Vehicle (SULEV) exhaust standard; plus a zero evaporative emissions standard, a 150,000-mile durability demonstration, and an extended emissions system warranty. That makes the Prius an excellent choice for buyers who want to reduce air pollution and America's dependence on oil. The Prius isn't cheap, but it costs less than a lot of other vehicles that are commonly promoted as family transportation.

It's important to understand that the Prius is not an electric car. You never plug it in. And there's no worry about driving beyond the range of the battery. A small, highly efficient four-cylinder gasoline engine charges the battery as you drive. No special knowledge is needed to drive the Prius. It works just like a regular car: You get in, you twist the key, you put the lever in Drive and you go. When it gets low on gas, you fill it up. The test procedure used until recently by the Federal Environmental Protection Agency exaggerated the fuel efficiency of all hybrids, but the EPA has revised its test procedures to more closely simulate modern driving habits.

13 gennaio 2009

Gea assolta, la base per svelare Farsopoli

La odiavo, la Gea.
Non stimavo personalmente Luciano Moggi, uno arrivato da squadre che detestavo, che agiva in modo cha non apprezzavo. Non stimavo suo figlio Alessandro, all'apparenza un Lucianone meno sveglio. Non mi piaceva quell'accozzaglia di figli di padri famosi e potenti, i Geronzi, i De Mita, i Tanzi, i Cragnotti, e così via.
Non mi piaceva il fatto che a noi dalla Gea arrivasse Baiocco, e agli altri magari uno come Nesta.
La ritenevo un problema, uno dei mille problemi del calcio italiano, sempre nelle mani dei soliti noti.

Poi, tutto ad un tratto, sono diventato un tifoso della Gea. Uno che esulta se cadono le accuse contro di lei. Uno che festeggia se Luciano Moggi passa quasi per vittima, quando Luciano Moggi, in una vita di calcio, vittima non è certamente mai stato.
Due anni. Tutto questo è accaduto in due anni, anche se sembrano dieci.
Perchè puoi anche detestare i modi arroganti e volgari di Moggi and co, ma se poi vedi prendere il potere agli sconfitti di sempre, che usano gli stessi loro mezzi con un centesimo delle loro capacità, allora ti tornano simpatici quelli di prima, quelli che non ti erano mai piaciuti. Se vedi i Baldini, i Pasqualin, i Branchini, i Canovi, Pastorello, Bronzetti e compagnia fare la morale in televisione, qualcosa di strano dev'essere successo.
Se vedi Moratti spiegare a uno juventino come si vince, beh, capisci che questi hanno rivoluzionato il corso naturale degli eventi.

E allora viva la Gea, viva le sentenze che ridicolizzano le accuse, e assumono addirittura punte comiche inarrivabili, nel condannare i Moggi per i problemi contrattuali con Amoruso, Blasi, Boudianski e Zeytulaev.

Il percorso inverso, rispetto al mio, è capitato ai tanti Cannavò presenti e distribuiti tra i vari media. Quelli che nel 2003 andavano a moderare i convegni della Gea, quando io non ci sarei mai andato, perchè non amo gli asserviti al potere. Quelli che oggi si disperano per la sentenza affrettandosi ad affermare che la Gea era la rovina del calcio, che comunque la giustizia sportiva funziona diversamente, che a Napoli finalmente si scoprirà la verità. Anzi, la verità l'ha già scoperta Guido Rossi, e non servono altre prove.

Poi c'è il calcio giocato, quello nuovo, quello senza Moggi e senza Gea. Con l'Inter che restituisce contro il Cagliari i due punti rubati al Siena, e la Juve che batte il Siena perchè avere Del Piero, in fondo, è sempre qualcosa di speciale. Anche se giochi male, anche se dovresti più cattivo, per andare ad inseguire chi ti sta davanti. Ma gli ultimi tre minuti sono da vera Juve, con palla tenuta di là sulla bandierina, e poi tutti a difendere, tutti a lottare, perchè noi siamo la Juve, e sappiamo che tre punti col Siena, a volte, possono valere molto più di quanto sembri.

Meno quattro, e a tanti sembra una bella impresa. A me no, perchè essere staccati di 4 punti dall'Inter non può essere motivo di soddisfazione, se ti chiami Juventus e il loro presidente è un incapace come Moratti, che anche quest'anno ha speso 50 milioni ed è riuscito a sbagliare tutti gli acquisti. Fenomenale.
E nel vedere le curve che sbandierano fiere gli scudetti 28 e 29, ma quando era davvero tempo di farlo erano un pò troppo morbide, penso che hanno ragione, che devono sbandierarli ogni domenica, ma che vorrei tanto che presto potessero festeggiarne uno nuovo, e non accontentarsi di stare a 4 punti dall'Inter.

Penso che fino a qualche anno fa, l'Inter di Moratti, Oriali, Quaresma e compagnia sopra la Juve sarebbe stato un qualcosa di impensabile, se non nei sogni di Severgnini. Penso che errori arbitrali come quelli visti in questi due anni, nel totale silenzio dei media asserviti, sono un qualcosa di irripetibile, e mai visto in precedenza.

Penso che sto rimpiangendo i tempi in cui Cannavò moderava i convegni organizzati da Moggi, e io lo criticavo perchè pensavo che fosse un giornalista asservito ai potenti, e che quello fosse un calcio da cambiare, da migliorare.

Perchè ai tempi, credetemi, io la odiavo, la Gea.

Forza Juve. I love football.



di Massimo Zampini per VecchiaSignora.come