21 settembre 2009

Cronache Aziendali - Anno II

QUARTA GIORNATA - Buffon batte il Livorno con mezza squadra. Gran gol di Marchisio. Se avesse maglia nerassura, i due di SKY avrebbero detto "Cosa ha fatto!" (lo dicono anche quando vanno al bagno), e allora il commento è "Bel gol, se voleva tirare in porta ...". Iaquinta cade in area e i due psicanalizzano l'arbitro senza aspettare il replay, poi di fronte al netto rigore non concesso cala il rispettoso silenzio e l'episodio, che sarebbe finito in Parlamento se fosse avvenuto in area bianconera, non riappare neppure negli highlights.Inter di rapina al Sant'Elia (cinica, secondo gli Skychatters). Cadute in area interista riprese dalla Corsica. Idem per un intervento su Conti, da cui nasce il gol del pareggio. Qualsiasi cosa accada, la prima cosa che dicono è "Non c'è fallo" e "La posizione è regolare". Il classico "Lo vorrei rivedere, Fabio" serve in altre circostanze. Ci manca il the caldo a metà gara.

EXTRAZIENDAL CUP - Pippone nostro fa risorgere il Milan a Marsiglia, mentre a Torino si cincischia e si rischia col Bordeaux, gol in fuorigioco dei franciosi a parte.Ma il clou, inutile dirlo, è a Milano. Genialone schiera un rivoluzionario catenacho, il Barca domina e spreca. Alla fine l'Inter porta a casa un buon punto, Rubin Kazan e Dinamo Kiev sono avvertite.Entusiasmo alle stelle e senza freni per il duo Platessa - Capitan Findus: le sportellate di Samuel ma non c'è fallo, involontario il fallo di mano, non ne beccano uno di fuorigioco che scandalo, lanci nello spazio a ripetizione (più che a Cape Kennedy), l'Inter tiene. E si fa vedere nel terzo tempo, baci e abbracci anche per Ibra.Commento finale: l'anno scorso una partita così l'avrebbero persa. Per vincerla riprovare il prossimo anno.
TERZA GIORNATA - Faticano e vincono Juve e Inter. Ci sarebbe poco altro da dire e allora ci dedichiamo alle tecniche di disinformazione.Gol di Mauri a gioco fermo in Lazio-Juve ed è subito il caso della giornata. Mourinho lascia la tv e va a cena.I due di Sky cominciano col dire che non si capisce molto dalle prime immagini, forse una leggera spinta a Legramaglie da parte di Cruz, che, sentito il fischio dell'arbitro, chiede un rigore (è scusato, dopo anni passati all'Inter è normale ).Vediamo allora altre immagini dopo aver congedato Ferrara e gli altri giocatori juventini intervistati, che non potranno così commentarle."Ecco, abbiamo queste dal punto visuale dell'arbitro...", grande suspence: il difensore della Juve parte da dietro e anticipa Cruz, che nel frattempo allunga una gamba e impatta su quelle dell'avversario, che perde l'equilibrio e cade a terra. Qui l'arbitro fischia. Quindi c'è il fallo? Non si sa, Platessa si lascia sfuggire, in un empito giustificazionista, un irrilevante "Eh, ma Cruz non l'ha visto, gli veniva da dietro..." I due poi si rifugiano in un dignitoso silenzio.Il giorno dopo su SKY si dà per assodato che l'arbitro abbia sbagliato a interrompere l'azione.Gol di Caceres: fulminei si va a vedere se Trezeguet, in sospetto fuorigioco defilato, abbia ostruito la visuale del portiere. Mannaggia, nemmeno a pensarci. Campo largo: vicino alla linea di fondo c'è un difensore laziale a tenere in gioco tutti. Pazienza, ci abbiamo provato in tutti i modi.Oggi in Siena-Roma si ripete la situazione con De Rossi, in possibile fuorigioco a centro porta, sul gol del pareggio di Mexes. Il problema neppure si pone agli occhiuti cronisti della tv a pagamento.Siamo solo all'inizio.

SPECIALE NAZIONALE - Si giocava a Torino e bisognava togliere dal fuoco le castagne per l'Albero di Natale di Moratti: dentro la Juve, che sabato giocherà a Piovarolo. Tanto non sembrava la Nazionale, che i solerti cronisti RAI invocavano gol fantasma e fuorigioco da sottoporre a moviola, come se si fosse nel campionato aziendale, lasciandosi pure sfuggire un "purtroppo i bulgari non coprono".Poi lodi per Gilardino, Pirlo e De Rossi, un sospiro per Santon in riscaldamento, e dibattito finale sul futuro di Montolivo. Abete, dal canto suo, sul 2 a 0 a metà gara ci rallegra con la tessera del tifoso della Nazionale.Probabilmente non gli saranno piaciuti i cali di tensione della squadra. Ci scuserà, veniamo dalla serie B.SECONDA GIORNATA - Leonardo, come da contratto, può mandare in campo solo 10 giocatori. Poi il Milan si aggattusa in 9 per buona parte del derby e con il "rigoroso" squadrone di Mourinho non può bastare: i nerassuri si fanno quattro salti in padella e per una settimana si risentono imbattibili.Diego, non so se mi spiego! Sul campo della Cesarona una buonissima Juve senza terzini si annuncia come la favorita per il secondo posto. Geniale Ferrara con la staffetta Tiago-Poulsen: con due metà trova quasi un giocatore intero.

PRIMA GIORNATA - Grande Inter col Bari. L'hanno vista Bergomi e Caressa: è più forte dell'anno scorso, le accelerazioni di Eto'o mettono paura, quanto sono intelligenti tutti gli altri, e che rabona Quaresma!, non è facile segnare su rigore a Gillet, arbitraggio all'inglese (fino al rigore per i nerassuri), una prodezza dietro l'altra fino all'1-1 finale.Senza dubbio è la favorita per la vittoria finale. Sarà contento Mourinho.Per il secondo posto fanno tre buoni punti Milan e Juve.

08.08.2009 - Speciale Supertoppa.Specialone l'aveva detto, attenti al Piovarolo! L'Inter gioca il suo solito calcio zampettante, ma le partenze di Maxwell e Adriano si fanno sentire, nonostante le buone prove di Eto'ovic e Militovic. Non bastano neppure le sgroppate sulla fascia di Vigorone Maicon e la perfetta pettinatura di Capitan Sanetti.Lotito alla fine può dire aulicamente: "Il titulo l'emo vinto noi!"